Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le Agenzie per il lavoro nel Decreto Legislativo 276 del 2003

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 Il D.Lgs.181/00 2 ed il successivo modificativo D.Lgs. 297/02 ridefiniscono il concetto di stato di disoccupazione, fissando una se- rie di azioni che i CPI sono chiamati a compiere nei confronti di specifiche categorie di disoccupati (adolescenti, giovani, donne in cerca di reinserimento lavorativo, disoccupati di lunga durata), quali colloqui di orientamento, proposte di adesione ad iniziative formati- ve o di inserimento professionale, l’abrogazione delle vecchie liste di collocamento e del libretto di lavoro, la previsione di ulteriori condizioni relative al mantenimento dello stato di disoccupazione. Con questo decreto, che costituisce la base della legge n. 30/03 3 , si completa una prima fase della strutturazione del sistema dei servizi. Esso, infatti, introduce e rafforza alcuni elementi già esi- stenti, (rispetto soprattutto agli obblighi dei servizi e delle imprese), aprendo contemporaneamente maggiori prospettive all’integrazione del sistema pubblico con quello privato e introducendo le Agenzie per il lavoro secondo il modello delle agenzie private di personal service presenti in Germania. Con la legge n. 30/03 ed il successivo decreto attuativo (D.Lgs. 276/03) sono state introdotte novità importanti, che permettono ai CPI italiani di raggiungere lo standard richiesto dall’Unione europe- a; cessa il monopolio pubblico del collocamento e, nel mercato del lavoro, entrano nuovi operatori, anche privati; viene, infine, istituita la Borsa continua nazionale del lavoro come sistema nazionale a- perto per l’incontro tra domanda e offerta di lavoro. Alla luce di quanto fin qui detto, i CPI dovranno pertanto “im- parare” ad operare in un contesto competitivo, che vede la compe- tenza di operatori sia pubblici che privati. Tutti gli interventi norma- tivi a partire dalla riforma del 1997 fino ad arrivare alla Legge Biagi ed ai successivi decreti, stanno dando vita ad una rete di servizi sul territorio che ha l’obiettivo di integrare le funzioni tradizionali di 2 Disposizioni per agevolare l’incontro tra domanda ed offerta di lavoro, in attuazione dell’art. 45, c. 1, lett. A) della legge 144/99. 3 Delega al Governo in materia di occupazione e mercato del lavoro, c.d. Legge Biagi.

Anteprima della Tesi di Andrea Crucianelli

Anteprima della tesi: Le Agenzie per il lavoro nel Decreto Legislativo 276 del 2003, Pagina 5

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Andrea Crucianelli Contatta »

Composta da 180 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3286 click dal 19/04/2005.

 

Consultata integralmente 21 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.