Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le Agenzie per il lavoro nel Decreto Legislativo 276 del 2003

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 legislativi del 1997, che prevedevano per gli operatori privati au- torizzati all’intervento nel mercato del lavoro l’unicità del loro oggetto sociale relativo o alla fornitura di lavoro temporaneo o al- la mediazione nei rapporti di lavoro. Le nuove Agenzie per il lavoro possono ora svolgere, se in possesso di alcuni requisiti di carattere economico-strutturale (in parte simili a quelli previsti dalle norme del 1997) una pluralità di attività che vedremo nello specifico più avanti. Con la riforma è, inoltre, consentito l’intervento nel mercato del lavoro anche alle Università, ai comuni, alle camere di com- mercio, agli istituti scolastici, all’ordine dei consulenti del lavoro, attraverso un’apposita fondazione, alle associazioni sindacali e dei datori di lavoro nonchè agli enti bilaterali da queste ultime co- stituiti. Una pluralità di soggetti, anche fortemente disomogenei, ha la possibilità, quindi, di incrociare la domanda di lavoro con l’offerta. Tutti questi soggetti dovranno “interconnettersi”, contri- buendo a costituirla, con la Borsa Nazionale del lavoro, mercato virtuale del lavoro realizzato attraverso il conferimento dei dati inerenti la domanda e l’offerta, e dovranno svolgere, più in gene- rale, un ruolo ampio e complesso di orientamento, indirizzo, for- mazione e sostegno dei soggetti in cerca di occupazione, in rap- porto osmotico continuo con la parte pubblica. Dopo una iniziale diffidenza, le società di lavoro temporaneo hanno nel tempo conseguito un rapido successo. In pochi anni, in- fatti, esse sono state capaci di realizzare una presenza capillare su tutto il territorio nazionale, con vetrine su strada visibili e attrat- tive dell’offerta di lavoro. Nell’assenza di azioni da parte degli uffici di collocamento, questi operatori sono diventati il punto di primo approdo dei soggetti in cerca di occupazione, realizzando al contempo forti azioni di facilitazioni per circoli virtuosi del mer- cato del lavoro.

Anteprima della Tesi di Andrea Crucianelli

Anteprima della tesi: Le Agenzie per il lavoro nel Decreto Legislativo 276 del 2003, Pagina 8

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Andrea Crucianelli Contatta »

Composta da 180 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3288 click dal 19/04/2005.

 

Consultata integralmente 21 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.