Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Strategie e normative per la formazione del comunicatore pubblico

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 perlocutorie, se così si possono chiamare, ovvero di comando nei confronti del cittadino che passivamente doveva accettare, senza poter obiettare. La comunicazione che si realizzava era di tipo unidirezionale, dall’amministrazione alla popolazione, e si esplicava attraverso divieti e sanzioni. Dopo il fascismo in particolare, i governi repubblicani preoccupati per l’uso fatto dell’informazione dal regime, ridussero gli ambiti di applicazione della comunicazione istituzionale e questo impedì lo sviluppo di forme di comunicazione di pubblico interesse. Di conseguenza le leggi suddette si pongono come obiettivo il rinnovamento di gran parte degli elementi che compongono il sistema amministrativo: funzione, procedure, organizzazione del personale; nell’intento di costruire un nuovo rapporto tra amministrazione pubblica e cittadini. Nel particolare la prima delle suddette leggi (142/1990) conclude il percorso di decentramento dello Stato avviato negli anni settanta, che da definitiva autonomia amministrativa alle singole regioni; la seconda (241/1990) apre un nuovo dialogo tra Stato e cittadini, basato su nuovi principi: trasparenza dell’attività amministrativa, partecipazione, semplicità, responsabilità e autonomia. Infine il decreto legislativo n°29 1993, investe in primo luogo la riorganizzazione del pubblico impiego, e sancisce l’obbligo a tutte le regioni d’istituire uffici di relazione con il pubblico. Tali interventi provocarono resistenze da parte di una pubblica amministrazione che per oltre quarant’anni era rimasta intaccata, a dimostrazione di una bigotta convinzione che vede il cambiamento in negativo; ma apre anche una nuova era per il cittadino che da cliente attivo rivendica i propri diritti in una società ormai pluralista e informata. A determinare tale cambiamento concorrono, con diversa intensità, fattori storici,

Anteprima della Tesi di Caterina Piscitelli

Anteprima della tesi: Strategie e normative per la formazione del comunicatore pubblico, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Caterina Piscitelli Contatta »

Composta da 80 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2755 click dal 18/04/2005.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.