Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sviluppo di un servizio di teleprenotazione eventi per Tv digitale su piattaforma DVB-MHP

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1 Introduzione alla Tv Digitale 16 stanno entrando in forza nel mercato attuale. Tutto questo grazie anche alla creazione di nuovi standard. La televisione è stata inventata e standardizzata circa 50 anni fa e ha continuato ad essere prodotta completamente in analogico a partire dalla telecamera fino al teleschermo nonostante tutti i cambiamenti tecnologici che si sono susseguiti. Da alcuni anni però i bassi costi dei circuiti integrati, le reti di comunicazione ad alta velocità, il rapido accesso ai sistemi di immagazzinamento e i nuovi processori stanno rendendo lo standard analogico obsoleto. Durante gli anni ‘80, in piena crescita della tecnologia digitale, si sono viste sviluppare le prime normative per la digitalizzazione del segnale video. Il segnale video digitale era conveniente per la compatibilità che offriva fra differenti sistemi, la capacità di non degradarsi anche dopo molteplici copie, la possibilità di creare effetti speciali impossibili da creare in analogico, ed altro. Però presentava anche alcuni inconvenienti: l’elevato flusso di informazione che richiedeva per la sua trasmissione, fra i 108 e i 270 Mbps, rendeva totalmente inattuabile l’implementazione della TV Digitale. Pertanto, rimaneva circoscritta ad ambiti professionali. La soluzione risiedeva nello sviluppo di tecniche di compressione. Durante gli anni 80 si sono concentrati gli sforzi per il suo sviluppo e soltanto all’inizio degli anni 90 il comitato istituito dalla ISO che prende il nome di Motion Picture Experts Group (MPEG) ha sviluppato il primo standard di compressione digitale comune per l’audio ed il video, ISO 11172, conosciuto come MPEG-1. L’obiettivo era soddisfare la necessità di immagazzinare audio e video per la prima generazione di CD-ROM, che aveva un bitrate di 1,4 Mbits/s (Video CD). Parallelamente si è lavorato alla creazione di un altro standard, compatibile con il precedente, che aveva però come obiettivo di specificare una sistema di codifica di audio e video adatto alla trasmissione attraverso differenti reti di comunicazione e all’immagazzinamento in differenti formati digitali. Il risultato è stato lo standard ISO 13818, chiamato comunemente MPEG-2 [6], il cui titolo ufficiale è “Information Technology - Generic Coding of Moving Pictures and Associated Audio”. Benché l’MPEG-2 contemplasse la compressione dei segnali audio e video e stabilisse meccanismi di sincronizzazione necessari per poter ricostruire e visualizzare nel ricevitore i

Anteprima della Tesi di Alessandro Nieto

Anteprima della tesi: Sviluppo di un servizio di teleprenotazione eventi per Tv digitale su piattaforma DVB-MHP, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Alessandro Nieto Contatta »

Composta da 181 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1605 click dal 19/04/2005.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.