Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Cinema Digitale: un'opportunità per lo sviluppo della cinematografia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

20 Nel correre ai ripari in Italia, prima della entrata in vigore del “Decreto Urbani” 5 sul cinema, un film poteva essere finanziato fino al 90% dall’intervento statale; in Europa fin dalla fine degli anni Ottanta e i primi anni Novanta, con la creazione del programma “Eurimages” (1989) e del programma “MEDIA” (1991), si sostiene il cinema europeo. Eurimages rappresenta il progetto di sostegno europeo alle co- produzioni cinematografiche. Il fondo eroga contributi ai film co- prodotti da due o più case di produzione, appartenenti a due o più Paesi comunitari, a condizione che il progetto rifletta l’identità culturale di uno o più Paesi membri e dimostri un buon potenziale commerciale. Il programma MEDIA è la principale iniziativa europea per il sostegno dell’industria cinematografica nel nostro continente, anche se negli ultimi mesi si susseguono voci di un suo ridimensionamento. Esso è stato articolato in tre cicli quinquennali (MEDIA 1991-1995; MEDIA II 1996-2000; MEDIA PLUS 2001-2005) caratterizzati da differenti dotazioni di fondi. Il programma MEDIA fa riferimento sia alle attività di produzione che a quelle di distribuzione, ma mentre l’interesse ai fondi europei per la distribuzione, da parte delle imprese del nostro Paese, è andato crescendo negli ultimi tempi, scarse sono state le richieste per lo sviluppo di opere cinematografiche. La ragione di questa differenza è da ricercare nella presenza di fondi nazionali per la produzione (come il precedentemente citato Decreto Urbani) che appaiono maggiormente attraenti grazie ad una minore rigidità delle regole di ammissione e ad una maggiore percentuale finanziabile. 5 Decreto-legge del 22 marzo 2004, n.72 recante interventi urgenti in materia di beni ed attività culturali che stabilisce un tetto al finanziamento pubblico dei film, fissato a 90 mln di euro.

Anteprima della Tesi di Federico Esposito

Anteprima della tesi: Il Cinema Digitale: un'opportunità per lo sviluppo della cinematografia, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Federico Esposito Contatta »

Composta da 189 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9298 click dal 20/04/2005.

 

Consultata integralmente 21 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.