Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli Investimenti Diretti Esteri Nella Cina Del Nuovo Millennio: Aspetti Tributari

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 Inoltre vengono aperte altre città e territori all’investimento straniero. Nel 1985 la RPC aderisce alla Banca asiatica di sviluppo (ADB). La RPC attua in questo modo le misure necessarie a garantire un’integrazione (anche se non completa) nell’economia mondiale. Ma quali effetti hanno avuto queste misure sull’economia cinese? Vediamo gli effetti di dieci anni di politica della porta aperta sull’economia del paese 4 , concentrando la nostra attenzione sugli anni che vanno dal 1985 al 1995. Il PIL è cresciuto dagli 88,18 miliardi di Euro del 1985 ai 575,23 miliardi di Euro del 1995. Il PNL pro capite è cresciuto da € 84 a € 469. Andando ad analizzare i dati relativi al commercio internazionale possiamo vedere che in dieci anni le esportazioni sono cresciute da € 22,29 miliardi a € 121,27 miliardi, mentre le importazioni sono cresciute da € 34,44 miliardi a € 107,67 miliardi. Non solo la Cina ha visto aumentare drasticamente i propri scambi commerciali con l’estero, ma mentre nel 1985 la bilancia commerciale cinese segnava un deficit di € 12,15 miliardi, nel 1995 la Cina si ritrova con un surplus commerciale di ben € 13,61 miliardi. Per rinforzare ed agevolare la crescita economica, la RPC ha aumentato anche la spesa pubblica dei servizi all’economia. Nel 1985 il governo spendeva 346,25 milioni di Euro per servizi resi all’industria, l’elettricità, gas, acqua, i trasporti e la comunicazione, mentre nel 1995 questa spesa ammontava a ben 1,01 miliardi di Euro. La politica della porta aperta ha permesso un ingente afflusso di IDE in Cina. Dal 1978 al 1999 sono confluiti in Cina circa un terzo degli investimenti diretti esteri di tutto il mondo, con un tasso medio annuale di 32,6 miliardi di Euro 5 . A livello legislativo l’apertura verso l’estero inizia già nel 1979 con la legge della RPC sulle joint ventures. 4 Fonte dei dati: Asian Development Bank 5 Maria Weber (2003)

Anteprima della Tesi di Manuel Agnoletti

Anteprima della tesi: Gli Investimenti Diretti Esteri Nella Cina Del Nuovo Millennio: Aspetti Tributari, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Manuel Agnoletti Contatta »

Composta da 137 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8511 click dal 19/04/2005.

 

Consultata integralmente 29 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.