Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Arti visive per non vedenti

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

16 della raffigurazione e partecipano alla costruzione del significato. Ad esempio un oggetto posto in alto su una base stretta e piccola non può che generare una sensazione di instabilità, così come la diagonale discendente, cioè quella che parte dal vertice in alto a sinistra e va verso quello basso a destra viene letta, nella nostra cultura, secondo un movimento discendente. Quando questa lettura naturale entra in contrasto con altri elementi della rappresentazione che guidano l’occhio secondo un verso opposto, cioè forzando una lettura ascendente, da destra verso sinistra, si viene a creare una situazione che comunica molta forza, una configurazione che sfida l’ordine “naturale” del nostro mondo. Questa particolare configurazione è molto usata nei quadri equestri, in cui il cavallo è rappresentato in impennata col muso rivolto verso il lato sinistro del dipinto. Alcune pubblicità di automobili sportive ed aggressive utilizzano lo stesso espediente psicologico per connotare la propria immagine. La rappresentazione Le arti visive si sono evolute nei millenni basandosi sulle caratteristiche fisiologiche dei nostri sensi, nel tempo si è sviluppato un codice che ci porta a considerare come naturali certe rappresentazioni, che viviamo come se fossero l’esatta riproduzione dell’immagine che si forma sulla nostra retina, mentre è facile dimostrare che sono frutto di convenzioni culturali e sociali. La creazione di immagini, artistiche e non, non è una semplice riproduzione della proiezione ottica dell’oggetto rappresentato, ma è frutto del tentativo di riprodurre, utilizzando un mezzo espressivo bidimensionale, le caratteristiche principali che si percepiscono nell’oggetto reale. Arnheim sostiene che Se desideriamo fare delle pitture su una superficie piana, tutto ciò che potremo sperare è di produrre una traduzione: ossia di presentare alcune delle essenziali caratteristiche strutturali del concetto visivo mediante mezzi bidimensionali.

Anteprima della Tesi di Laura Freina

Anteprima della tesi: Arti visive per non vedenti, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Laura Freina Contatta »

Composta da 172 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6046 click dal 30/05/2005.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.