Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Arti visive per non vedenti

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

22 l’opera originale o, comunque, di creare qualche cosa di diverso, un’opera nuova, a sé. 4. I colori Come ci ricorda Branzaglia, [Branzaglia, 2003], i colori agiscono direttamente sul nostro equilibrio fisiologico, ad esempio il rosso tende ad accelerare il battito cardiaco e la circolazione sanguinea, generando una sensazione di calore, mentre il giallo, che è quello che maggiormente riflette la luce, tende ad essere percepito come instabile. Quindi, così come per l’illuminazione, anche il colore agisce ad un livello inconscio, fisiologico, prima ancora di arrivare ad un significato culturale e testuale. Anche in questo caso la trasposizione per sensi diversi dalla vista è particolarmente problematica, tanto che in tutti i casi esaminati i colori sono sempre trasmessi solo nella descrizione verbale. 5. Espressioni e posture Tra gli elementi che rivestono maggior importanza nella nostra percezione visiva c’è il corpo umano in genere, e il viso in particolare. Nell’evoluzione, il riconoscimento delle espressioni sul viso dei nostri simili è di fondamentale importanza perché, assieme al loro comportamento corporeo, ci comunicano alcune informazioni fondamentali per la nostra vita sociale. Nell’osservare un’opera d’arte noi percepiamo immediatamente, anche se non necessariamente a livello cosciente, sensazioni, sentimenti, alcuni aspetti del carattere dei personaggi rappresentati. Interpretiamo queste informazioni in base ad alcuni elementi istintivi e agli stereotipi che si formano durante la fase di socializzazione del bambino. Sono informazioni così importanti che spesso trasferiamo le espressioni anche sugli oggetti, definendo, ad esempio, il salice come piangente perché rivolto verso il basso. L’artista utilizza questi aspetti della percezione per comunicare le proprie passioni e sensazioni. Oltre alle espressioni del viso, è rilevante anche la postura fisica dei personaggi rappresentati. La posa frontale piuttosto che il profilo serve a

Anteprima della Tesi di Laura Freina

Anteprima della tesi: Arti visive per non vedenti, Pagina 16

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Laura Freina Contatta »

Composta da 172 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6046 click dal 30/05/2005.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.