Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Arti visive per non vedenti

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 La vista è il senso maggiormente sviluppato nell’essere umano, si basa sui ricettori collocati negli occhi (coni e bastoncelli), e su un sistema estremamente complesso che va ad interessare svariate parti del cervello, preposte al riconoscimento di diverse caratteristiche: l’unione degli stimoli provenienti dai due occhi, il movimento, i colori, i visi, ecc. Come funzionano i nostri sensi Dato che ci siamo evoluti in un ambiente in continuo movimento, i nostri ricettori sono sensibili alle variazioni nello stimolo esterno. Questo vale per tutti i sensi: se fissiamo un oggetto bloccando completamente ogni movimento degli occhi, dopo un po’ non ci sarà possibile vedere nulla, analogamente un contatto fisico fisso e immobile non merita la nostra attenzione se non negli istanti del suo instaurarsi, e dopo un certo intervallo di tempo non lo sentiamo più, infatti non siamo coscienti della pressione dei nostri abiti se non nel momento in cui li indossiamo. Tutti i nostri sensi reagiscono agli stimoli esterni in un determinato intervallo di intensità, gli stimoli troppo deboli o troppo forti non sono percepiti. Questo range, pur avendo una certa variabilità da individuo a individuo, è simile per ogni persona umana. La minima intensità che uno stimolo deve avere per poter generare una sensazione in almeno la metà delle persone è definita empiricamente come soglia assoluta, uno stimolo sotto soglia non viene percepito. La soglia differenziale, determinata empiricamente da E. H. Weber all’inizio dell’Ottocento, definisce la differenza minima di intensità tra due stimoli perché questi possano essere riconosciuti come diversi tra loro da almeno metà delle persone. Si tratta di una differenza che non è costante, ma proporzionale all’intensità dello stimolo, quindi più lo stimolo è intenso, più grande diventa la soglia differenziale. La formula che permette di calcolare la soglia differenziale è: Soglia differenziale = ∆m = k * m dove m è lo stimolo minore e k una costante. Valori indicativi di k sono: 1/50 nella sensibilità propriocettive, 1/7 nella sensibilità alla pressione.

Anteprima della Tesi di Laura Freina

Anteprima della tesi: Arti visive per non vedenti, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Laura Freina Contatta »

Composta da 172 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6047 click dal 30/05/2005.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.