Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Arti visive per non vedenti

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 dolore e il calore sono percepiti da ricettori che si trovano nel derma, lo strato sottostante all’epidermide [Ricchetti, 2003]. Il tatto può essere esercitato in maniera passiva, cioè quando un oggetto ci tocca, oppure attiva, che è quando si fanno scorrere le dita attivamente su un oggetto; in generale la sensibilità è maggiore nel tatto attivo rispetto al passivo. La sensibilità umana è molto fine, è possibile rilevare rilievi di appena due micron su superficie liscia, ma occorre che ci sia movimento della pelle contro la superficie. Per i nostri scopi, però, tale soglia è ben lontana da ciò che può essere considerato il limite reale. Secondo il Manuale per il disegno in rilievo [Tactile Vision], il punto dell’alfabeto Braille (in genere 1 millimetro di dimensione) rappresenta la dimensione minima utilizzabile del punto in rilievo, mentre la soglia per rendere una linea percepibile si aggira intorno al mezzo millimetro di larghezza, e deve essere ad almeno due millimetri di distanza da altre linee per poter essere considerata una linea isolata. Il tatto è soggetto anche ad altre limitazioni: per percepire tattilmente un oggetto è necessario toccarlo, quindi siamo vincolati dalla lunghezza delle nostre braccia, inoltre il riconoscimento tattile degli oggetti non è immediato e una superficie troppo ricca di dettagli può creare disorientamento. È necessario tenere conto di tutte queste limitazioni nella realizzazione di una trasposizione tattile di un dipinto: le dimensioni globali non potranno essere né troppo grandi né troppo piccole, così come gli elementi rappresentati devono avere una dimensione minima per poter essere percepiti e, talvolta, la densità di oggetti nel dipinto può renderli impossibili da individuare.

Anteprima della Tesi di Laura Freina

Anteprima della tesi: Arti visive per non vedenti, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Laura Freina Contatta »

Composta da 172 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6046 click dal 30/05/2005.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.