Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Arti visive per non vedenti

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 comunica con entrambi gli emisferi cerebrali, alcuni neuroni reagiscono agli stimoli provenienti dai due occhi, associandoli e realizzando la percezione binoculare. Esistono poi aree specializzate nel riconoscimento del colore, di alcune forme 4 , del movimento, ecc. La percezione visiva Arnheim, in Arte e percezione visiva [Arnheim, 1954], parte dai principi della Gestalt per analizzare il modo in cui percepiamo un’opera d’arte visiva (pittura, disegni, ma anche scultura e architettura) e, successivamente, fa un breve excursus su come queste opere vengono create. I principi che si utilizzano per rappresentare nelle due dimensioni una realtà tridimensionale cambiano nel tempo, ma anche con l’evoluzione di ogni singolo individuo. Secondo Arnheim, ogni persona umana, indipendentemente dalla propria cultura di appartenenza, vede in modo simile, un modo che dipende dalla struttura fisiologica dell’organo della vista e del nostro sistema psicologico. Solo a valle di questa prima elaborazione percettiva intervengono i fattori legati alla propria esperienza personale e culturale. Nella percezione c’è di più di ciò che colpisce la retina, si vengono a creare, attraverso un processo primario, elementi legati alla topologia dell’area analizzata, alla forma, dimensione e collocazione reciproca dei diversi oggetti, ecc. Ad esempio siamo in grado di percepire il centro di una rappresentazione, che assume un significato particolare, anche quando non c’è alcun segno che lo evidenzia esplicitamente. L’importanza, e quindi il peso psicologico, di un oggetto non è sempre lo stesso, ma dipende dal luogo in cui questo si trova: lo stesso elemento, quando è posto al centro, viene percepito come più importante rispetto a quando si trova in periferia. 4 A titolo di esempio basti citare che esiste un’area del cervello specializzata nel riconoscimento dei volti; quando questa non funziona correttamente, la persona si dice affetta da prosopagnosia e, pur vedendo correttamente ogni dettaglio di un viso, è incapace di riconoscerlo. [Sacks, 1985]

Anteprima della Tesi di Laura Freina

Anteprima della tesi: Arti visive per non vedenti, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Laura Freina Contatta »

Composta da 172 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6046 click dal 30/05/2005.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.