Il contratto con se stesso

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 ξ Seconda condizione: il contenuto del contratto deve essere predeterminato dallo stesso rappresentato in modo da escludere la possibilità di un conflitto di interessi: ad esempio il commesso di un negozio di abbigliamento che compra uno dei capi, che ha l’incarico di vendere al pubblico, al prezzo stabilito dal negoziante (proprietario). L’art. 1395 secondo la Corte di Cassazione 8 ai fini dell’annullabilità prevede una presunzione iuris tantum di conflitto, che può essere superata mediante la prova contraria di una specifica autorizzazione a concludere il contratto ovvero di una adeguata predeterminazione del contenuto dello stesso, da parte del rappresentato. 8 Cass. Civ., sez. II, 7 maggio 1992, 5438, in Giust. civ. Mass. 1992, fasc. 5 . L'autorizzazione data dal rappresentato al rappresentante a concludere il contratto con se stesso può considerarsi idonea ad escludere la possibilità di conflitto di interessi a norma dell'art. 1395 c.c. - e, quindi, l'annullabilità del contratto - solo quando sia accompagnata da una determinazione degli elementi negoziali sufficienti ad assicurare la tutela del rappresentato medesimo e non quando la generica autorizzazione data dal rappresentato al rappresentante a vendere a se stesso non contenga una indicazione in ordine al prezzo della compravendita che sia sufficiente ad impedire eventuali abusi da parte del rappresentante.

Anteprima della Tesi di Carlo Picardi

Anteprima della tesi: Il contratto con se stesso, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Carlo Picardi Contatta »

Composta da 105 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3665 click dal 20/04/2005.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.