Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La lingua dei diavoli nell'Inferno dantesco

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

XIV dell’accozzaglia di uomini che vivono nell’eternità quello che sulla terra hanno creduto non avere affatto senso. Dobbiamo fare un salto al canto XXVI 14 del Paradiso per concludere le teorie di Dante sulla lingua delle origini. Nel De Vulgari, infatti, aveva affermato che il «sacratum ydioma» parlato da Adamo si era conservato, dopo la confusio babelica, solo nel popolo ebreo, il popolo eletto. Nella terza cantica della Comedìa, invece, il poeta corregge quelle affermazioni, dando la parola proprio al «primo parente»: La lingua ch’io parlai fu tutta spenta innanzi che a l’ovra inconsummabile fosse la gente di Nembròt attenta: ché nullo effetto mai razïonabile, per lo piacere uman che rinnovella seguendo il cielo, sempre fu durabile. 15 Il senso di queste parole (e di quelle che continuerà a dire Adamo), è chiaro: Dante giunge alla conclusione che la lingua è creazione dell’uomo, il quale ha ricevuto da Dio, invece, il dono della parola. La differenziazione dei linguaggi viene dal mutamento delle abitudini e usanze dell’uomo 16 . 14 Vd. il saggio di G. RATI, Il canto XXVI del “Paradiso”, in «L’Alighieri», XXXII, 1, gennaio- giugno 1991, pp. 35-38. 15 Pd XXVI 124-129. 16 Questo concetto lo aveva espresso già nel De Vulgari: «[…] homo sit instabilissimum atque variabilissimum animal, nec durabilis nec continua esse potest, sed sicut alia que

Anteprima della Tesi di Valeria Pilone

Anteprima della tesi: La lingua dei diavoli nell'Inferno dantesco, Pagina 8

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Valeria Pilone Contatta »

Composta da 118 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5793 click dal 20/04/2005.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.