Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il governo della parrocchia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA 12 realtà sociale ed economica 24 . La “ruralizzazione” della vita socio-economica (e, in conseguenza di ciò, anche di quella religiosa) si compie tra il VI e l’VIII secolo, comporta il passaggio da un economia dei traffici e degli scambi ad una principalmente a base agricola, con la nascita dei grandi latifondi e lo spostamento nelle campagne dei centri economici. Il controllo capillare del territorio da parte della Chiesa si realizza tramite una struttura che ricalca le preesistenti istituzioni romane, sfruttando la diramazione territoriale dei principali centri di riferimento economico imperiali: l’antico municipium diviene diocesi, il pagus 25 romano si tramuta in pieve ed il vicus in parrocchia 26 . I pagi potevano assumere una struttura di governo monocratica, il cui preposto era definito magister pagi, il quale si limitava a presiedere il concilium, nel caso si fosse optato, invece, per un’organizzazione collegiale. Il magister pagi doveva occuparsi della riscossione delle imposte, della manutenzione delle reti viarie locali e degli edifici pubblici, dell’assolvimento degli obblighi di leva e dell’organizzazione di fiere, mercati e delle feste di maggior interesse civico e religioso. 24 vedi Fantappiè, op. cit., pag. 66 25 La differenza tra il pago ed i vici, in cui era suddiviso, starebbe nella mancanza, in capo a questi ultimi, di rilevanti competenze da un punto di vista amministrativo. Si noti che tra le istituzioni ecclesiali e quelle preromaniche non vi è totale coincidenza, nonostante i vistosi ed innegabili legami, in tutto il territorio considerato. 26 Cfr Zanotti, op. cit., pag. 154, dove l’A. propone una dettagliata e documentata ricostruzione dello sviluppo evangelico del cristianesimo nel territorio della Romània, lungo le reti fluviali e viarie principali. Nello stesso senso Vasina, Pievi e parrocchie nella storiografia moderna, in Pievi e parrocchie in Italia nel basso Medioevo (secc. XIII-XV), Atti del convegno di Storia della Chiesa in Italia, I, Roma, 1984, pagg. 612 e seg..

Anteprima della Tesi di Nicola Delpino

Anteprima della tesi: Il governo della parrocchia, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Nicola Delpino Contatta »

Composta da 122 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2204 click dal 20/04/2005.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.