Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Realizzazione di un algoritmo di pianificazione basato su euristiche che operano su modelli rilassati

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

19 Inoltre, anche l’abilità sociale, altra componente dell’agire in modo autonomo e flessibile, presenta la sua complessità. Infatti, non si tratta semplicemente di uno scambio binario di informazioni, cosa che fanno quotidianamente milioni di computer nel mondo, ma di un insieme di attività più sofisticate di cooperazione, condivisione di obiettivi, comprensione e riadattamento di esperienze altrui, tutte tra loro interconnesse. In definitiva, gli Agenti Intelligenti sono entità dotate di un comportamento flessibile, in grado di adattarsi ai cambiamenti dell’ambiente in cui operano, che possono conseguire obiettivi complessi in modo autonomo e presentano una capacità sociale che può arrivare alla collaborazione di più agenti verso un obiettivo comune. 1.3 Classificazione degli ambienti applicativi Il problema principale che deve risolvere un agente è quello di decidere quali azioni eseguire per soddisfare al meglio i propri obiettivi. La complessità del processo decisionale dipende fortemente dalle caratteristiche dell’ambiente di riferimento. È diventata consuetudine classificare la tipologia di un ambiente in base alle seguenti proprietà [RUSSELL-AND-NORVIG-95]:  Accessibile/non accessibile: un ambiente è accessibile per un Agente se questi può ottenere in ogni istante tutte le informazioni che sono necessarie al corretto svolgimento della sua attività. Si noti che l’attribuzione di questa caratteristica va fatta in relazione all’informazione di interesse per l’Agente. Purtroppo questa proprietà viene meno in ambienti anche solo moderatamente complessi. Tipicamente gli ambienti applicativi sono solo parzialmente accessibili. Cause frequenti di parziale accessibilità negli ambienti fisici sono la limitatezza del raggio di percezione dell’Agente rispetto all’estensione dell’ambiente, e la presenza di ostacoli fisici alla percezione (muri). La parziale accessibilità dell’ambiente viene indicata anche come conoscenza incompleta sullo stato.  Statico/dinamico: un ambiente è statico per un Agente se la sola causa delle sue variazioni è costituita dalle azioni che l’Agente vi compie. La staticità

Anteprima della Tesi di Leonardo Perria

Anteprima della tesi: Realizzazione di un algoritmo di pianificazione basato su euristiche che operano su modelli rilassati, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Leonardo Perria Contatta »

Composta da 114 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2740 click dal 20/04/2005.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.