Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Musica e liuteria nella Toscana dei Lorena

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 Da questo estratto possiamo capire come le condizioni dello Stato fossero miserrime e come la popolazione più povera non riuscisse neanche a procurarsi i più basilari mezzi di sostentamento. Stemma della famiglia Lorena-Asburgo, Prato, Palazzo Datini Le varie città esistevano, da questo punto di vista, come entità a sé stanti. Siena e Firenze coabitavano senza interferire tra loro, Arezzo non sembrò mai interessata a collaborare economicamente con la capitale, Livorno stava sempre più sviluppando il proprio porto e i propri interessi commerciali; l'unico caso di reale interazione con Firenze era quello di Pisa che, grazie anche alla secolare amicizia con la città fiorentina, si era lasciata maggiormente inglobare nell'orbita granducale. Per di più erano ancora in vigore leggi ormai obsolete che obbligavano l'approvazione granducale per ogni nuova attività industriale, artigianale o agricola promossa da una città "vassalla"e che istituivano e avevano istituito centinaia di posti di dogana e di polizia di frontiera rendendo sempre più complicato ogni traffico

Anteprima della Tesi di Luca Dal Canto

Anteprima della tesi: Musica e liuteria nella Toscana dei Lorena, Pagina 10

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Luca Dal Canto Contatta »

Composta da 110 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1439 click dal 26/04/2005.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.