Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

VIET NAM: Una pace difficile - Dalla ''vietnamizzazione'' del conflitto all'invasione della Cambogia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 Dopo essersi resa conto dell’impossibilità di utilizzare il Viet Nam come base per la conquista della Cina, la Francia iniziò ad interessarsi maggiormente al suo sfruttamento economico. A tal fine, nel 1897, venne inviato come governatore Paul Doumer. Per coprire i costi di gestione dell’Unione Indocinese, si fece ricorso ad uno sistematico sfruttamento fiscale, caratterizzato dalla capitazione 13 , e dall’imposizione forzata ai villaggi dell’acquisto di determinate quantità di sale, alcol e oppio a prezzi fissati dalle autorità. “Il provento di questi monopoli ammontava da solo a circa un terzo del bilancio dell’Indocina francese” 14 . L’insostenibile livello dei tributi favorì l’espropriazione delle terre ai contadini e la nascita di vasti latifondi concentrati nelle mani di società francesi o di proprietari parassitari graditi alle autorità coloniali. L’impoverimento delle masse contadine inasprì le tensioni sociali e accrebbe i moti di protesta che vennero sedati in modo sempre più violento. Inoltre l’introduzione del sistema giuridico francese venne usata per condannare ai lavori forzati un gran numero di vietnamiti, mettendo così a disposizione dei colonizzatori manodopera gratuita per infrastrutture strategiche e, più tardi, per piantagioni e miniere. Le società francesi si dedicarono soprattutto all’economia di piantagione (caucciù e altre coltivazioni tropicali), alle attività minerarie (carbone e stagno) e alle industrie manifatturiere. Il nuovo sistema economico condusse alla nascita di un’agricoltura commerciale e alla conseguente formazione di una piccola borghesia vietnamita e cinese 15 dedita alla vendita e alla lavorazione del riso. Tuttavia, la maggioranza della popolazione si andava proletarizzando e le maggiori attività economiche erano controllate dai francesi. Soprattutto dopo la Prima Guerra Mondiale, si ebbe un forte aumento del malcontento popolare che creò la base per la diffusione di idee sempre più radicali. A differenza degli inglesi, i francesi infatti non avevano fatto alcuna concessione per 13 La capitazione è un’imposta personale pagata da ogni singolo abitante per il solo fatto di esistere. 14 Enrica Collotti Pischel, op. cit., p. 126. 15 La comunità cinese (Hoa) era concentrata nei pressi di Saigon, nella città di Cholon (letteralmente “grande mercato”), e si dedicava soprattutto ad attività commerciali, ma anche agricole. I francesi utilizzavano gli Hoa come intermediari per la compravendita di riso e per vendere al dettaglio merci provenienti dalla Francia. Nacque così una borghesia commerciale di origine cinese legata all’amministrazione coloniale.

Anteprima della Tesi di Valentina Carcangiu

Anteprima della tesi: VIET NAM: Una pace difficile - Dalla ''vietnamizzazione'' del conflitto all'invasione della Cambogia, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Valentina Carcangiu Contatta »

Composta da 254 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2180 click dal 21/04/2005.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.