Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le fonti energetiche rinnovabili. Valutazioni economiche, politiche ed ambientali.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 Ulteriori problemi determinati dallo sfruttamento energetico del nucleare possono essere così esemplificati: ξ la fissione atomica produce inevitabilmente rifiuti radioattivi che generano calore nell’ambiente in cui vengono depositati. Ne consegue la necessità di luoghi sicuri e una sorveglianza stretta per periodi che esulano dai comuni tempi storici. Al plutonio, per esempio, occorrono 24.000 anni affinché dimezzi la propria radioattività. Numerosi prodotti o scorie di questa industria sono stati dispersi negli oceani o nell’atmosfera, ma attraverso la catena alimentare possono riconcentrarsi. Il plancton, che filtra l’acqua, serve da alimento a piccoli organismi che poi vengono mangiati dai pesci che finiscono nelle nostre tavole. ξ Gli effetti delle radiazioni si manifestano a più livelli: debilitazione generale, malattie tra le quali cancri e leucemie e mutazioni genetiche che si esprimono in aborti spontanei o malformazioni nei neonati. ξ Numerosi incidenti sono avvenuti nonostante si dica da più parti che le probabilità sono trascurabili. ξ Il trattamento dei materiali radioattivi è condotto in maniera spesso irresponsabile: alla Hague, in Svizzera, una enorme quantità di materiali, ritrattati e no, è sepolta a poca profondità. Una parte finisce direttamente nell’atmosfera o nel mare. ξ Il trasporto di queste sostanze è rischioso e per semplificare le cose è accaduto anche che spesso sia avvenuto per via aerea. ξ I depositi geologici sicuri sono di difficile individuazione. ξ L’estrazione, il trattamento del minerale, l’arricchimento dell’uranio hanno bisogno di enormi installazioni. Inoltre, come anche accade nel caso delle energie fossili, i costi esterni (esternalità) di tale comparto energetico non ricadono sull’industria che li ha generati ma sulla collettività. ξ Questa industria, per natura centralizzata, implica condizioni politiche stabili, sorveglianza continua ed un apparato repressivo per proteggere le installazioni; e tutto ciò costa.

Anteprima della Tesi di Filippo Mazzei

Anteprima della tesi: Le fonti energetiche rinnovabili. Valutazioni economiche, politiche ed ambientali., Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Filippo Mazzei Contatta »

Composta da 325 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 26590 click dal 22/04/2005.

 

Consultata integralmente 106 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.