Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Principio di Relatività

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Tu immagini che io guardi indietro al lavoro della mia vita con serena soddisfazione. Ma da vicino la cosa appare ben diversa. Non c’è un singolo concetto che penso resterà fermamente valido. ([18], pag. 257) Gli atteggiamenti dei diversi scienziati sopra citati hanno invece contribuito alla comparsa di un relativismo molto pericoloso che ha invaso tutti i campi del sapere e della vita quotidiana, portando, per esempio [19], all’assurdo della totale determinazione del futuro di ogni osservatore già all’istante presente. Ma tutto viene giustificato e accettato pur di salvare la TR nella forma originale. Anche rinunciare alla conoscenza, comportamento in voga nei primi anni del Novecento in tutta la fisica e non solo, estremizzando così la già limitata capacità umana fino alla paralisi. Per esempio, secondo Niels Bohr: Si deve rinunciare alla vecchia idea che lo scopo della fisica sia di scoprire l’essenza reale dei fenomeni, ma solo ricostruire, nella misura del possibile, delle relazioni fra i diversi fenomeni osservati negli esperimenti [7]. Lo scienziato danese fu influenzato dalla filosofia esistenzialistica di Kierkegaard e Høffding, che affermava l’impossibilità di superare le rigide contraddizioni della vita e della natura. Ciò ha reso inammissibile l’unione dei concetti di tesi e antitesi di fronte al problema del dualismo della luce e ha di fatto influito sulla rinuncia dello scienziato e della sua scuola di Copenaghen a cercare una spiegazione dei fenomeni. Si può continuare, in questa propensione alla limitatezza, con Richard Feynman, per il quale: Più ti rendi conto di quanto la Natura si comporti stranamente, e più è difficile creare un modello che spieghi anche il più semplice dei fenomeni. Così i fisici teorici vi hanno rinunciato. ([20], pag. 82) con Leon Lederman: Tutto ciò che possiamo dire di una teoria è che predica i risultati di eventi che possono essere misurati. ([21], pag. 175) o Stephen Hawking: 12

Anteprima della Tesi di Luigi Romano

Anteprima della tesi: Il Principio di Relatività, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Luigi Romano Contatta »

Composta da 228 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5891 click dal 21/04/2005.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.