Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

''God bless Israel''. La formazione dello Stato d’Israele vista attraverso le pagine di Newsweek e Time Magazine (1945 - 1949)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

-7- posizioni riguardo al sionismo, siti governativi e di organizzazioni non governative, siti di discussione e siti riguardanti il conflitto mediorientale. Credo sia necessario dare alcuni brevi cenni di geopolitica e alcuni dati relativi ai finanziamenti percepiti dallo stato di Israele. Gli Stati Uniti nell’interpretazione della geopolitica hanno la conformazione di una potenza marittima, oggi espressa fondamentalmente, in termini militari, dalla forza aerea e dalla tecnologia spaziale. L’obiettivo di questo approccio, mantenere aperte le principali vie di comunicazione e impedire che qualsiasi potenza rivale ammassi un esercito capace di minacciare la madrepatria è tipico delle potenze marittime. In pratica, ciò significa anche che Washington e le sue agenzie preferiscono aver a che fare con ampi, stabili blocchi. Il fastidioso, infinito lavoro necessario ad assicurare l’equilibrio di raffinati, delicati e fluttuanti sistemi politici, lavoro un tempo gestito da pochi esperti ufficiali basati nella madrepatria, va al di là dei mezzi e della pazienza del governo americano. Si pensi alla mancanza di qualsiasi politica efficace in Libano, che alla fine Washington ha preferito affidare in gestione alla Siria. O alla attuale preferenza americana per il dialogo con Mosca, ignorando largamente i piccoli o grandi paesi che circondano la Russia, nonostante sia evidente l’importanza degli sviluppi periferici per gli esiti del cambiamento nella Federazione russa. Se si tiene conto del solo contributo americano, ci si accorge del fatto che, come riferito da statistiche dell’ONU, dal 1945 al 1967, gli Stati Uniti hanno dato 435 dollari a ogni israeliano e 36 dollari a ogni arabo o, in altre parole, che hanno fornito al 2,5% della popolazione il 30% dell’aiuto contro il 70% dato al 97,5% restante.

Anteprima della Tesi di Cristiano Tinazzi

Anteprima della tesi: ''God bless Israel''. La formazione dello Stato d’Israele vista attraverso le pagine di Newsweek e Time Magazine (1945 - 1949), Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Cristiano Tinazzi Contatta »

Composta da 159 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4069 click dal 11/05/2005.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.