Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il principio di trasparenza per le società di capitali ora introdotto alla luce del confronto con quello relativo alle società di persone

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

2 questi casi, infatti, gli eventuali risultati negativi della società all’uopo costituita allo sarebbero fiscalmente irrilevanti per i soci. E’ quindi per rimuovere questo potenziale effetto negativo che viene consentita l’opzione per il regime di trasparenza, proprio delle società di persone. Tanto premesso, vanno però evidenziati i profili che prestano il fianco ad alcune perplessità, che si tradurranno in problemi concreti per l’applicazione pratica dell’istituto nella realtà. Innanzitutto, va vista con favore la correzione, apportata in sede di approvazione definitiva, riguardante i soggetti tenuti a esercitare l’opzione. In sede di redazione dello schema del decreto legislativo, si previde che l’applicazione del regime era subordinato alla sola opzione della partecipata, in conformità alla delega. Il decreto legislativo 344/2003, invece, stabilisce opportunamente che l’opzione sia esercitata congiuntamente dalla partecipata e dai soci. E’ pur vero che in tal modo la scelta per il nuovo istituto è resa più rigida, però la disposizione è più confacente all’istituto della trasparenza, perché evita che le società socie subiscano le scelte incondizionate della società partecipata. Un ultimo rilievo riguarda L’articolo 116 del nuovo Tuir. Tale articolo, in tema di opzione per la trasparenza fiscale delle società a ristretta base proprietaria, si limita a rinviare alla disciplina dettata dall’articolo 115, prestando poca attenzione alle differenze esistenti tra le due fattispecie, la più importante delle quali attiene al fatto che per il regime di cui all’articolo 115, socie e controllate sono tutte società di capitali, mentre la disciplina di cui all’articolo 116 consente di trasferire direttamente a persone fisiche i risultati dell’applicazione di regole di determinazione del reddito previste per la società di capitali partecipata.

Anteprima della Tesi di Vincenzo Romano

Anteprima della tesi: Il principio di trasparenza per le società di capitali ora introdotto alla luce del confronto con quello relativo alle società di persone, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Vincenzo Romano Contatta »

Composta da 133 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6982 click dal 26/04/2005.

 

Consultata integralmente 28 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.