Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il principio di trasparenza per le società di capitali ora introdotto alla luce del confronto con quello relativo alle società di persone

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 riferite direttamente agli individui e non alla organizzazione collettiva, esprimendosi con ciò il superamento dello schema imputazione/organizzazione. Nella dottrina finanziaria il principio di trasparenza viene definito come partnership approach. Oltre ad un riferimento soggettivo del presupposto di imposta il principio di << trasparenza >> comporta, spesso, un effetto secondario relativo alla definizione oggettiva del presupposto e, di conseguenza, della base imponibile. Infatti l’accoglimento della << trasparenza >> nell’ambito dell’imposizione reddituale impone l’imputazione proporzionale degli utili societari direttamente in capo ai soci 3 ed il reddito imponibile non viene collegato alla misura di utili prodotta dalla società. Si può comunque ipotizzare un metodo di imposizione per trasparenza in cui il reddito attribuito direttamente e proporzionalmente ai soci diviene imponibile soltanto nel momento della effettiva percezione. Questo metodo non risulta attuato frequentemente negli ordinamenti tributari 4 . Il principio di trasparenza configura dunque una scelta che riguarda essenzialmente il criterio di riferibilità del presupposto ad un soggetto piuttosto che ad un altro, tale principio assume rilevanza solo nell’ambito di un sistema di imposte personali, dove il carico fiscale è riferito alla situazione personale del contribuente. Sia nelle imposte personali che in quelle reali la riferibilità del tributo è importante al fine di individuare il soggetto passivo del tributo. Nelle imposte personali, oltre all’elemento oggettivo, assume altrettanta importanza l’elemento soggettivo, vale a dire la riferibilità ad un soggetto, al fine di determinare 3 Se il socio è rappresentato da un’altra società di persone si avrà un singolare caso di doppia << trasparenza >>. 4 E’ infatti evidente che la possibilità di rinviare nel tempo l’evento materiale della distribuzione degli utili ai soci consentirebbe di differire la relativa imposizione.

Anteprima della Tesi di Vincenzo Romano

Anteprima della tesi: Il principio di trasparenza per le società di capitali ora introdotto alla luce del confronto con quello relativo alle società di persone, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Vincenzo Romano Contatta »

Composta da 133 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6972 click dal 26/04/2005.

 

Consultata integralmente 28 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.