Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'evoluzione della cooperazione giuridica UE-ACP da Lomé a Cotonou

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 569,4 milioni di euro 4 , versati in proporzione diversa dagli allora sei paesi membri della Comunit�. Il FES sarebbe rimasto per tutta la durata delle Convenzioni un elemento esterno al budget ufficiale della Comunit�, e tale continua ad essere tuttora. Il primo rapporto instaurato tra la Comunit� Europea e il gruppo dei paesi d�oltremare in fase di formazione pu� essere descritto come un sistema di associazione, basato sugli artt. 131-136 TCE. L�obiettivo dell�associazione � di mantenere i rapporti con le dipendenze dei paesi europei e di sostenerne lo sviluppo, assicurando loro una serie di diritti relativi principalmente ai rapporti commerciali, anche se non equivalenti a quelli garantiti agli stati membri veri e propri 5 . Allo stesso tempo i paesi e territori d�oltremare possono mantenere la relazione preferenziale con il paese a cui sono legati da vincoli particolari 6 . Il rapporto allora istituito con i paesi e territori d�oltremare non era infatti ancora una convenzione di cooperazione allo sviluppo: le concessioni tariffarie erano vicendevoli, non essendo ancora stato introdotto il principio di non reciprocit�, e tali sarebbero rimaste nelle successive convenzioni di Yaound�. Mancava ancora la creazione di un assetto convenzionale che includesse tutti i paesi membri nella stessa struttura di cooperazione. La struttura prevedibile e stabile, infatti, sarebbe diventata uno degli elementi caratterizzanti del rapporto della Comunit� Europea con questi paesi, mentre i rapporti della Comunit� con le altre regioni del mondo si svolgono sulla base di accordi bilaterali, come nel caso della cooperazione con i paesi dell�Africa settentrionale, o sono comunque privi della struttura robusta e istituzionalizzata propria della cooperazione con i paesi ACP. 4 Fonte dei dati su tutti i FES: Commissione Europea, sul sito www.europa.eu.int. 5 Vedi art. 182 (ex 131) in Fausto Pocar (a cura di), Commentario breve ai Trattati della Comunit� e dell�Unione Europea, Padova, CEDAM, 2001, pp. 681-682. 6 Fausto Pocar, Diritto dell�Unione e delle Comunit� europee, 7a ed, Milano, Giuffr�, 2002, p 80.

Anteprima della Tesi di Nives Maria Ester Costa

Anteprima della tesi: L'evoluzione della cooperazione giuridica UE-ACP da Lomé a Cotonou, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Nives Maria Ester Costa Contatta »

Composta da 206 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3127 click dal 26/04/2005.

 

Consultata integralmente 22 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.