Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il contratto di inserimento ed il CFL nel decreto legislativo 276/03

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 concordati da associazioni dei datori e prestatori di lavoro comparativamente più rappresentative sul piano nazionale e territoriale, anche all’interno di enti bilaterali …”. Principio, questo, che può essere letto come delega, da parte del legislatore statale alle parti sociali, di un qualcosa (i contenuti dell’attività formativa) di cui non abbia la disponibilità. Poiché quelli indicati nella legge delega sono già “principi”, la disciplina dovrebbe essere dettata dalla legislazione regionale e non già dai decreti delegati. Tutto ciò ha influenzato il legislatore governativo. Nel passaggio dalla legge delega al decreto legislativo, le competenze delle regioni sui contratti di inserimento sono totalmente scomparse, “in parallelo alla caratterizzazione del nuovo contratto come strumento di incentivo dell’occupazione” 19 e dell’apprendistato come strumento formativo per il mercato. Mentre per il succedaneo del contratto di formazione-lavoro è prevista, nel D.Lgs. 276/2003, una disciplina completa ed analitica anche per quanto attiene ai residui profili formativi, 20 per le prime due forme di apprendistato il legislatore delegato detta alcune regole che non riguardano la struttura del contratto (requisiti soggettivi, durata …) ed affida alle regioni una implicita competenza regolamentare sulla base di (in questo caso espliciti) principi, definiti nell’art. 48 al comma 3 e, nell’art. 49, al 4° comma. La competenza “per i soli profili che attengono alla formazione”, sulla regolamentazione e durata dell’apprendistato per l’acquisizione di un diploma o per percorsi di alta formazione è rimessa alle regioni in modo espresso dall’art. 50, c. 3. Nel decreto legislativo si cerca, in tal modo, di separare nettamente la disciplina del rapporto di lavoro, rientrante nella competenza dello Stato, dalla disciplina della formazione, di competenza regionale. Tale situazione non risolve però i problemi di legittimità costituzionale. La “formazione professionale”, infatti, è una materia rientrante nella competenza esclusiva delle regioni, e come tale non può essere regolata sulla base di “principi” direttivi, quali i principi di cui agli artt. 48 e 49. Per quanto attiene al contratto di inserimento, se è vero che la marginalizzazione degli aspetti formativi, che hanno assunto il carattere di “eventualità” per effetto del 4° comma dell’art. 55, risolve il problema sulla competenza regionale in materia di formazione, è altrettanto vero che in tal modo non trova più giustificazione il sottoinquadramento previsto dal 1° comma dell’art. 59, alla luce di quanto previsto dall’art. 36 della Costituzione. 21 19 D. GAROFALO, Mercato del lavoro e regionalismo, p. 40 – www.unicz.it/gaofalod_14042003.pdf. 20 Il comma 4 dell’art. 55 attribuisce alla formazione carattere di eventualità. 21 L’argomento sarà oggetto di successiva analisi.

Anteprima della Tesi di Antonio Sulis

Anteprima della tesi: Il contratto di inserimento ed il CFL nel decreto legislativo 276/03, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Antonio Sulis Contatta »

Composta da 109 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2699 click dal 26/04/2005.

 

Consultata integralmente 18 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.