Il dibattito sull'informazione nella stampa internazionale dopo l'11 settembre 2001

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3 Gli attentati alle Torri Gemelle si sono trasformati in un evento assoluto, un super evento televisivo che da giornalistico è diventato multimediale. Confrontati con altri eventi di drammaticità analoga come l’attacco giapponese alla base militare di Pearl Harbour o l’assassinio del presidente J.F.Kennedy, gli attentati terroristici dell’11 settembre hanno rappresentato in assoluto un precedente storico da molti punti di vista e soprattutto da quello mediatico. 1.2 La rappresentazione televisiva dell’evento Le immagini televisive dell’11 settembre rimarranno nella memoria storica di tutti quelli che ne sono stati testimoni. Abbiamo visto e vedremo come la televisione sia stato il medium principale per la conoscenza e la presentazione degli eventi drammatici di questa data. Fabio Tricoli in un suo saggio descrive i primi momenti post-tragedia del medium televisivo: “In quelle prime ore la macchina è travolta dal fiume di notizie che inonda i media. L’esigenza primaria è quella di metabolizzare il flusso; ricomporre l’oggetto in frantumi, ancor prima di ridefinirne lo sfondo; raccogliere quindi testimonianze, storie individuali che diano profondità umana, senso, credibilità ad un evento ancora sospeso tra realtà e finzione cinematografica, che appare freddo, monolitico e insignificante nella sua esasperata ricerca di una dimensione esclusivamente simbolica da parte degli attentatori. Il telespettatore ipnotizzato dalla perfezione virtuale della scena, assolutamente reale.” 9 La televisione ha “mediato” gli eventi per la maggior parte della popolazione mondiale. Il materiale documentario non è solo quello inviato dai cronisti e dai loro operatori, che paradossalmente avevano le maggiori difficoltà ad avvicinare Ground Zero, ma quello del “reporter diffuso”, ovvero videoamatori, passanti, navigatori di internet che “saltando ogni mediazione professionale, creano un’inedita configurazione del circuito informativo”. 10 Del resto la funzione della mediazione è da considerarsi fondamentale visto il rilievo politico che è in grado di creare: non possiamo non notare che i successivi bombardamenti americani sull’Afghanistan, solo in dicembre, hanno provocato la morte di più di 3.500 civili, più di quanti ne erano stati uccisi con l’abbattimento 9 F.Tricoli, Edizione straordinaria: impatto redazionale e rappresentazione televisiva dell’evento, in Torri Crollanti, cit., pp.295-308, precipue pp. 298-299. 10 Ibidem, p.299.

Anteprima della Tesi di Elisa Gosti

Anteprima della tesi: Il dibattito sull'informazione nella stampa internazionale dopo l'11 settembre 2001, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Elisa Gosti Contatta »

Composta da 133 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2520 click dal 29/04/2005.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.