Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Protocolli di Routing per reti Ad Hoc e pervasive computing: un'applicazione all'Health Care

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

_____________________________ Capitolo 1______________________________ tuttora fortemente dibattuto. Per questo motivo ogni implementazione di reti ad hoc su Bluetooth è ancora molto sperimentale, e non verrà considerato. 1.3 Dispositivi commerciali per l’implementazione del pervasive computing. Negli ultimi anni sono comparsi sul mercato dispositivi wireless dedicati espressamente al pervasive, noti con il nome di MOTE. Il dispositivo commerciale MICA2 (Figura 1-1) ne è un esempio. La struttura hardware di questi nodi mobili è molto semplice e ottimizzata per le caratteristiche di basso consumo energetico. Il cuore di un MOTE è rappresentato da un piccolo microcontrollore a basso consumo, a cui si interfaccia un numero variabile di sensori (opzionali). Il tutto è poi corredato da un modulo ricetrasmittente con portata che varia dai 3 ai 60 metri circa. Figura 1- 1: Il MOTE MICA 2 di X-Bow. Al progredire della miniaturizzazione e del risparmio energetico di questi oggetti diventerà verosimile farli funzionare senza batterie, sfruttando energia solare o meccanica tratta dal loro ambiente di impiego. Al momento invece le batterie costituiscono la parte più voluminosa del sistema. Il costo di un MOTE attualmente si aggira attorno ai 200$, ma è destinato a scendere a breve. Per dare un’idea delle caratteristiche hardware e software disponibili su un MOTE analizziamo brevemente le caratteristiche tecniche di MICA2. Le dimensioni sono di circa 6 x 4 x 1 cm, il microprocessore è un Atmel ATmega 128L a 4MHz. La disponibilità di memoria Flash on chip di questo componente è di 128 KB e i consumi sono decisamente ridotti: 8 mA di default e 15μ A in sleep mode. L’autonomia a pieno regime è di 120 ore, ma di fatto la fase di attività è di pochi microsecondi ogni diversi secondi di sleep mode. I moduli di memoria aggiuntivi arrivano a 512 KB. Il modulo trasmissivo ha una capacità di 40 Kbps e consuma meno di 1μ A a riposo e 25 mA in fase di trasmissione. Il sistema operativo utilizzato è TinyOS, soluzione Open Source che supporta l’ottimizzazione della potenza trasmessa. TinyOS ha un architettura basata sui componenti e cura particolarmente la minimizzazione del codice per soddisfare agli stretti vincoli dell’hardware. La libreria componenti di TinyOS comprende protocolli di rete, servizi distribuiti, driver per sensori commerciali e strumenti per l’acquisizione dati. Il suo modello di esecuzione ad eventi permette una raffinata e precisa ottimizzazione della potenza. TinyOS implementa poi un livello MAC noto col nome di S-MAC. Si tratta di un protocollo pensato appositamente per le reti di sensori, con obiettivi il risparmio 9

Anteprima della Tesi di Massimo Dusso

Anteprima della tesi: Protocolli di Routing per reti Ad Hoc e pervasive computing: un'applicazione all'Health Care, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Massimo Dusso Contatta »

Composta da 118 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3221 click dal 28/04/2005.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.