Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Rep. Slovacca verso l'Unione Europea: analisi del processo di transizione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

VI Questo lavoro si concentra sul processo di transizione della Repubblica Slovacca, i cui progressi raggiunti in vista dell’integrazione europea nell’ultimo anno, hanno sensibilmente migliorato l’immagine del Paese a livello internazionale mobilitando gli interessi economici dell’Europa Occidentale e, in particolare, dell’Italia. Snodo del cosiddetto corridoio balcanico, che incrocia gli assi di comunicazione in direzione est – ovest, dalla Russia alla Francia, e nord – sud dal Nord Europa ai Balcani, la Slovacchia ha rappresentato un esempio di straordinaria rapidità nell’adeguamento ai parametri EU e di migliore performance tra i PECO, pur partendo con due anni di ritardo nelle negoziazioni d’adesione rispetto alla maggior parte dei paesi candidati. Contemporaneamente, il processo di transizione ha messo, nel corso degli anni, chiaramente in luce alcune peculiarità dell’economia slovacca, quali ad esempio l’insostenibile deficit della bilancia dei pagamenti, che non trova repliche di uguale entità negli altri paesi in transizione, e la mancanza di coordinamento fiscale e monetario che ha influito sui ritardi accusati nell’implementazione delle necessarie riforme strutturali. Il presente studio si sviluppa attorno a queste interessanti tipicità macroeconomiche. Una prima parte introduttiva esamina le tappe salienti del cammino comunitario d’allargamento europeo soffermandosi, in particolare, sui criteri definiti dal Consiglio europeo di Copenhagen nel giugno del 1993; essi, infatti, hanno costituito le guide – lines per l’uniformazione europea da parte dei candidati e per il monitoraggio delle istituzioni comunitarie circa i risultati da questi raggiunti in tale percorso decennale. Vengono, quindi, presentati i progressi riportati dalla Slovacchia a livello politico e i risultati raggiunti con riferimento ai parametri economici. La prima sezione approfondisce, inoltre, l’esperienza comune vissuta dai PECO dopo il crollo dei regimi comunisti e dell’economia centralizzata, con i risvolti conosciuti soprattutto in termini di produzione e occupazione; si conclude con la descrizione del contesto macroeconomico della Slovacchia venutosi a creare durante la transizione. Si apre così la seconda parte del lavoro che comprende i capitoli 2 e 3, riguardanti problematiche specifiche. Il secondo capitolo si focalizza sulle dinamiche d’espansione del deficit di conto corrente che hanno accompagnato in modo curioso la crescita economica slovacca durante il processo di transizione, ponendo l’interrogativo se il livello attuale di

Anteprima della Tesi di Silvia Vecchiato

Anteprima della tesi: La Rep. Slovacca verso l'Unione Europea: analisi del processo di transizione, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Silvia Vecchiato Contatta »

Composta da 123 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2175 click dal 29/07/2005.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.