Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La violenza negli stadi: aspetti psicosociali e preventivi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

X Per quanto riguarda il capitolo sugli aspetti psico-sociali di gruppo, ho cercato di spiegare le funzioni del gruppo e l’importanza che esso svolge durante la crescita di un individuo, normale o patologica e deviante. Ho voluto dare grande importanza a questo aspetto perché considero il comportamento dei nostri ultrà, compresa la violenza e gli atteggiamenti socialmente punibili che spesso li contraddistinguono, come impliciti e quasi caratteristici della vita del gruppo stesso. In oltre, la necessità di una propria identità, il desiderio di possedere un proprio status e di rendersi indipendente dai genitori e dalla società stessa sono aspetti che i giovani ricercano incessantemente dalla pubertà in poi, e che spesso vedono soddisfatti nell’ appartenenza a qualsiasi gruppo, anche e soprattutto a quello ultrà. È ben spiegato come questa associazione sia per i ragazzi stessi, un motivo di crescita personale, una situazione nella quale tutti hanno dei propri ruoli e il proprio status, a differenza dell’incertezza che la società gli offre; tutto questo è anche confermato dalle interviste, che, riguardo questo aspetto, si trovano in armonia tra loro. Nel gruppo ultrà ogni bisogno è soddisfatto, anche quello tipico degli adolescenti moderni, di comunicare con qualsiasi mezzo… violenza compresa. Con il tempo però, le manifestazioni aggressive tipiche dei tifosi è andata prendendo forme diverse. La violenza non è più controllata dai valori e dalle regole interne al gruppo stesso, e questo a causa del continuo aumento dei suoi membri, che vedono le curve sempre più palcoscenico di atti vandalici fini a sé stessi, o politicizzati e come trampolino per la visibilità sociale e televisiva. La violenza non è più conseguenza delle azioni in campo o delle decisioni arbitrali, ma ha assunto sempre più il carattere di teppismo gratuito e, apparentemente, inspiegabile. La ritualità si è fatta imperfetta e ha coinvolto la società tutta.

Anteprima della Tesi di Martina Santucci

Anteprima della tesi: La violenza negli stadi: aspetti psicosociali e preventivi, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Martina Santucci Contatta »

Composta da 284 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 17389 click dal 29/04/2005.

 

Consultata integralmente 38 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.