Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tecniche per la misurazione del Rischio negli istituti Finanziari: il caso della BNL

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

ma come una opportunità, da sfruttare attraverso la gestione strategica per il raggiungimento di un vantaggio competitivo. I principali fini che la banca assegna alla gestione del rischio sono tre 8 : • Ottimizzazione delle attività; • Rispetto delle richieste degli organi di vigilanza; • Protezione contro eventi estremi. Anche se, come ho detto precedentemente, il rischio non deve essere inteso solo come minaccia, in Italia, come nel resto dei paesi del mondo, è diffusa una visione del rischio prudente, tanto che le banche hanno dimostrato in generale di esserne avverse cercando comunque di avere dei profitti rimanendo immuni, pur essendo a conoscenza che l’assenza totale di rischio determinerebbe la mancanza del principale motivo d’esistenza della banca. I rischi delle attività bancarie si possono dividere seguendo diversi criteri, ma in ogni caso bisogna tenere in considerazione che tutte le categorie individuate non vanno considerate come rigidamente separate ma anzi caratterizzate da legami di interdipendenza che a livello di analisi non deve essere trascurata. La necessità di dividere i diversi tipi di rischio viene da una procedura abituale operativa degli intermediari, infatti, la divisione dei compiti nel risk management rispetta le considerazioni elementari di efficacia ed efficienza operativa. 8 Secondo degli studi fatti a livello internazionale da “The Intertek Group”. Gli studi hanno mostrato che, pur essendo molto diffusi dei sistemi per la misurazione del rischio, nella maggior parte dei casi ci si ferma alla fase della misurazione esclusivamente in risposta agli organi di vigilanza, senza arrivare a formulare degli obiettivi di rischio. 13

Anteprima della Tesi di Daniele Belsito

Anteprima della tesi: Tecniche per la misurazione del Rischio negli istituti Finanziari: il caso della BNL, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Daniele Belsito Contatta »

Composta da 131 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4156 click dal 06/05/2005.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.