Tecniche per la misurazione del Rischio negli istituti Finanziari: il caso della BNL

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

• rischio monetario, che dipende dalla variabilità del livello dei prezzi; • rischio operativo, che è legato alla variazione dei costi di gestione; • rischio di frode, che può essere considerato un rischio puro. I rischi finanziari sono caratteristici delle banche, come di ogni altro tipo di impresa e riguardano la capacità d’adempimento ai propri impegni di pagamento, che per gli istituti bancari si riassume con i concetti di liquidità e solvibilità. I tipi di rischio quindi che bisogna considerare sono il rischio di credito e il rischio di liquidità. L’equilibrio finanziario è dato appunto dalla stabilità dei flussi finanziari, in entrata ed in uscita; nel caso in cui non si raggiunga tale equilibrio si manifesterà un deficit o un surplus di liquidità rispetto al livello ottimale. Ad ogni livello di deficit o surplus corrisponde una conseguenza economica, o a causa dei maggiori oneri per il reperimento di liquidità o da ricavi inferiori causati dalla detenzione di liquidità non redditizia. Come avevamo gia anticipato, la manifestazione dei rischi economici ha naturalmente delle ripercussioni sotto il lato finanziario, infatti con la concretizzazione di un rischio economico si avranno sicuramente delle uscite superiori o delle entrate inferiori. E’ possibile quindi distinguere, in ogni tipo di rischio, un aspetto economico ed uno finanziario. In alcuni casi il manifestarsi di un rischio economico ha delle conseguenze finanziarie immediate, basta pensare al rischio di credito, nel caso in cui si verifica una inadempienza vengono a mancare dei flussi previsti in entrata, mentre sarà comunque necessario pagare le passività a scadenza in uscita. Un’ultima classificazione che si può fare parlando di rischio è dividendo le diverse forme sotto l’aspetto dell’approccio gestionale; una corretta gestione dei rischi non richiede per forza l’annullamento di questi, ma la 15

Anteprima della Tesi di Daniele Belsito

Anteprima della tesi: Tecniche per la misurazione del Rischio negli istituti Finanziari: il caso della BNL, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Daniele Belsito Contatta »

Composta da 131 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4162 click dal 06/05/2005.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.