Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La diffamazione a mezzo stampa. Problemi e prospettive legislative

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 1.1.2. La cronaca nelle sue varie forme Nera e giudiziaria, politico-sindacale, di costume, inchieste e interviste. Sono questi i vari ambiti della cronaca in cui è più importante il rispetto dei tre limiti fondamentali, quali interesse pubblico, verità e continenza. La cronaca giudiziaria è forse il campo più delicato entro cui il giornalista si trova a muovere, questo perché “le notizie sono rappresentate da fatti inerenti lo svolgimento dell’attività della magistratura e delle autorità investigative” (Rizzo, 2002,142) e dove il soggetto del fatto di cronaca è inevitabilmente sottoposto ad indagini, ed eventualmente ad un processo. Avendo tali fattori una forte rilevanza sociale (rilevanza tipica di ogni sentenza), diventano conseguentemente esposti all’interesse della stampa, al fine di esercitare il diritto-dovere di divulgazione dei fatti. Ma l’interesse pubblico, oltre a limitare la cronaca, è esso stesso limitato, dovendo tenere presente che il soggetto indagato beneficia della tutela dell’art.2 Cost., per cui non può essere sottoposto a “offese gratuite e valutazioni infondate”, (Rizzo, 2002, 142), a meno che non sia implicata la “conoscenza di fatti di grande rilievo sociale, quali la perpetrazione di reati e l’attività di polizia giudiziaria” (Cass. 22 marzo 1999, n. 2842) 6 . A ciò si aggiunge anche la copertura dell’art.27, comma II, Cost., dove viene sancito il principio di “non colpevolezza”, primo paletto posto alla cronaca giudiziaria. Numerose sono, infatti, le sentenze che avvalorano la tesi secondo cui “il principio di non colpevolezza non può essere anticipato dall’organo di stampa, perché si tratterebbe, né più né meno, della pubblicazione di una notizia notoriamente falsa, in quanto la valutazione della responsabilità degli inquisiti non è ancora stata effettuata dagli organi competenti (Trib. Genova, 15 aprile 1985). Un pregiudizio che, andando a ledere il principio costituzionalmente garantito dell’onorabilità della persona, comporterebbe l’applicazione delle norme previste dall’art.595 c.p.. 6 F. Abruzzo, op. cit., 2004

Anteprima della Tesi di Carmela Mariano

Anteprima della tesi: La diffamazione a mezzo stampa. Problemi e prospettive legislative, Pagina 13

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Carmela Mariano Contatta »

Composta da 148 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5167 click dal 03/05/2005.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.