Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Comunicare la sicurezza a Perugia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

condivise da un numero significativo di persone (o dalla maggioranza di loro). Ancora, per ambedue le definizioni è appunto la maggioranza che definisce qualcosa come inaccettabile, degno di disapprovazione e passibile di condanna. Tra le due vi è però un’importante differenza, che risiede nella portata del concetto e nella tipologia dei fenomeni che esso comprende. Per la prima, deviante può essere solo un comportamento. Ad esempio: mangiare a tavola senza le posate, ruttare rumorosamente, tradire il coniuge, rubare etc. Per la seconda, invece, deviante può essere anche una credenza o un tratto comportamentale di una singola persona o di un gruppo. Ad esempio: avere convinzioni opposte o semplicemente diverse a quelle osservate della maggioranza, professare un’altra fede religiosa o non averne nessuna; ovvero esibire delle anomalie fisiche, quali il nanismo, l’obesità, la deformità, la cecità e la sordità. Naturalmente, gli studiosi che propongono la seconda definizione non intendono fornire una giustificazione alle discriminazioni di cui i “devianti”, in questa accezione estesa, sono spesso vittime. Al contrario, essi si limitano a rilevare che ciò si verifica e il loro compito specifico consiste nello spiegarne il perché. La nozione di devianza presuppone dunque l’esistenza di un complesso di valori, di norme e di aspettative. Se la maggioranza delle persone che compongono una comunità definisce inaccettabile un atto o un tratto comportamentale o di una persona o di un gruppo, ciò è dovuto al fatto che quella maggioranza condivide le stesse idee su ciò che è bene e male, giusto o ingiusto, vero o falso, “normale” o deviante. 10

Anteprima della Tesi di Christian Paulonia

Anteprima della tesi: Comunicare la sicurezza a Perugia, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingua e Cultura Italiana

Autore: Christian Paulonia Contatta »

Composta da 198 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2980 click dal 03/05/2005.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.