Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il corpo ingannato tra metafisica e tecnologia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

18 proprio perché entrambi si fondano su questa ignoranza e su questo fraintendimento del corpo 38 . Tuttavia si tratta di vedere anche dove sia effettivamente tale fraintendimento: esiste davvero un luogo preciso dove individuare la scaturigine di tale incomprensione? Esiste effettivamente un “errore” nella storia del pensiero occidentale, tale da generare, per il corpo, un tale impietoso destino? Un primo punto è, senz’altro, la disattenzione che i filosofi sembrano sempre aver mostrato nei confronti del corpo. Ma resta da chiedersi il perché, ovvero se questa disattenzione sia da imputare ad una mancanza del filosofo o non piuttosto ad una del concetto “corpo”. La filosofia sembra essersi sempre interessata dell’anima, tanto che ancora Nietzsche può definirsi uno «psicologo». Ed è significativo che proprio egli che ha dato una tale definizione di storia della filosofia 39 , continui a considerarsi uno psicologo, usando il termine quasi come sinonimo di filosofo e spirito libero. Allora bisognerebbe chiarire cosa si intenda con anima, e cosa i filosofi abbiano inteso analizzare, occupandosi di essa. Probabilmente non ci è dato rileggere la storia della filosofia alla luce di un dualismo quale si pone oggi al nostro pensiero, ma dovremmo piuttosto sforzarci di capire quali interessi hanno mosso il pensiero in quella direzione e come mai, volendosi occupare dell’uomo, i filosofi si siano sempre occupati dell’anima. Per il momento, quindi, ciò che interessa, non è tanto il fraintendimento implicito nell’attuale visione comune del corpo, quanto il tracciare brevemente dei passaggi salienti nell’evoluzione di tale visione e 38 Cfr. Merleau-Ponty, Phénoménologie de la Perception, op. cit. In tutto lo scritto l’autore si contrappone criticamente tanto all’intellettualismo quanto all’empirismo, spiegando tra l’altro come la sua teoria non sia riducibile né all’uno né all’altro. 39 Il riferimento è, ancora una volta, al passo della Gaia Scienza succitato.

Anteprima della Tesi di Diego Rossi

Anteprima della tesi: Il corpo ingannato tra metafisica e tecnologia, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Diego Rossi Contatta »

Composta da 219 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8138 click dal 03/05/2005.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.