Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il corpo ingannato tra metafisica e tecnologia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 prigione platonica e renderla, se non dimora vivibile, quanto meno sopportabile! Tutti questi fenomeni , in effetti, sono caratterizzati da una cristallizzazione del dualismo cartesiano per cui abbiamo sempre un ente (che sia “io”, “persona”, “res cogitans”, “anima”, al momento non fa differenza) che in qualche modo manipola o comunque agisce su un corpo. D’altra parte anche nell’immediato noi percepiamo il «nostro corpo» come appunto un oggetto esterno di cui abbiamo possesso. Che il problema posto dal corpo sia una questione che tocca al cuore della nostra società lo dimostra il fatto che comincia a diventare una delle domande più diffuse e più pressanti. D’altra parte tale tendenza dimostra altresì che il dualismo cartesiano sta oggi diventando emblematico di una frattura dell’identità, espressa da narcisismo, schizofrenia, alienazione, e in genere da tutti i mali tipici del nostro secolo, a cui si vanno ad aggiungere le tematiche del capitalismo, dell’individualismo, della mercificazione e, in una parola, della tecnica – intrinsecamente correlata al tema del presente lavoro. Qui si apre un ambito molto ampio e complesso, che non è assolutamente possibile analizzare in poche righe. La relazione che lega corpo e tecnica viene in luce con molta evidenza se prendiamo in considerazione, ad esempio, l’importanza della stazione eretta, la quale libera le mani e rende l’uomo adatto al registro della tecnica, oltre ad avere tutta una serie di conseguenze sul cranio, sulla faccia e sul corpo in genere (e non ultimo l’occhio, che acquista un ruolo privilegiato sugli altri organi di senso). C’è una vasta letteratura in proposito 10 , molto interessante, per la quale «le développement historique génère un corps pour lequel la modération des actes instictifs, l’inhibition des gestes impulsifs, jouent un rôle civilisateur» 11 . 10 Si veda, per un primo approccio, Rauch, Corps (cultur du -), in Le Notions Philosphiques Dictionnaire, a cura di Sylvain Auroux (vol. I), Presses Universitaires de France 1990 e la bibliografia ivi proposta. 11 Ibid.

Anteprima della Tesi di Diego Rossi

Anteprima della tesi: Il corpo ingannato tra metafisica e tecnologia, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Diego Rossi Contatta »

Composta da 219 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8138 click dal 03/05/2005.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.