Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il corpo ingannato tra metafisica e tecnologia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 non struttura di comando, strumento di legge – e questo è abbastanza chiaro se si pone mente alla struttura freudiana di Io, Super-io, Es. Ci ritroviamo proiettati in un nuovo campo di ricerca, più strettamente politico 13 . Ma, a ben guardare, qui le cose si fanno ancor più complicate, perché, ad un certo punto ne va della stessa cultura, e del rapporto tra cultura e natura: centro di tale rapporto, campo di battaglia, se vogliamo, è, in definitiva, ancora una volta proprio il corpo. Ora, nella misura in cui si tratti di scegliere tra un’alternativa corpo- anima, natura-cultura, anarchia-legge, ebbene ci troveremmo probabilmente di fronte ad una aporia. Si tratta allora piuttosto di vedere fino a che punto non sia possibile ridurre quella frattura aperta dal dualismo cartesiano – forse, in fin dei conti, si tratta di sbarazzarsi tanto del corpo quanto dell’anima! La nostra domanda, peraltro, si pone in un ambito che non è né sociologico, né politico, né morale in senso stretto, ma è piuttosto, se vogliamo, ontologico: in altre parole, le attuali tecnologie del corpo ci pongono questioni circa lo stesso corpo “nel suo essere”. E neanche solo circa l’uomo, ma di tutte le cose. Perché, con il virtuale, si pone in questione lo statuto stesso del reale: Non vi sono più altri: la comunicazione. Non vi sono più nemici: la negoziazione. Non vi sono più predatori: la convivialità. Non vi è più negatività: la positività assoluta. Non vi è più morte: l’immortalità del clone. Non vi è più alterità: identità e differenza. Non vi è più seduzione: l’indifferenza sessuale. Non vi è più illusione: l’iperrealtà, la Virtual Reality. Non vi è più segreto: la trasparenza. Non vi è più destino. Il delitto perfetto. 14 13 Il riferimento obbligatorio è a Deleuze; in particolare, ovviamente, all’Anti-Edipo. 14 J. Baudrillard, Il delitto perfetto, tr. it. Raffaello Cortina Editore, Milano 1996, p. 113

Anteprima della Tesi di Diego Rossi

Anteprima della tesi: Il corpo ingannato tra metafisica e tecnologia, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Diego Rossi Contatta »

Composta da 219 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8138 click dal 03/05/2005.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.