Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gestione strategica dei costi e creazione di valore per il cliente: il caso delle macchine per la lavorazione del legno

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

CAP.1 IL SETTORE: DALLA FILIERA ALLE ATTIVITÀ 9 massima espansione del settore, precedente alla crisi iniziata nel secondo semestre del 2001 che solo dal 2004 mostra segni di ripresa. Un altro fattore che potrebbe incrementare il potere contrattuale delle aziende clienti è rappresentato dall’espansione degli operatori dell’ultima parte della filiera, le grandi catene di distribuzione che sempre più spesso si servono di fornitori privilegiati con cui ricercano partnership o verso i quali cercano di esercitare il massimo potere contrattuale possibile. Il più importante operatore al mondo per quanto riguarda la lavorazione del legno è il gruppo Lignum Tecnologie, nato nel 1999 dalla fusione di Homag Maschinenbau AG e IMA Maschinenfabrik Klessmann GmbH. La quota di mercato (22% nel 2000) riflette l’ampiezza della gamma di prodotti offerti, l’importante presenza diretta sui principali mercati del mondo e l’elevata capacità d’innovazione. Rimanendo alla classificazione tratta da elaborazioni Biesse il secondo gruppo con l’11% di quota di mercato è Weinig che però opera in un segmento differente: scorniciatici, macchine per la produzione di serramenti, per la finitura del legno, macchine per l’automazione e accessorie. SCM Group è il terzo operatore mondiale, primo in Italia, con sede a Rimini. La quota di mercato del 9% comprende una gamma di prodotti che va dalle macchine per i grandi operatori dell’industria del mobile a quelle rivolte alle imprese artigiane, dove SCM è leader. Biesse ha ottenuto nel 2000 un fatturato corrispondente a circa l’8% del mercato grazie anche all’acquisizione di Schelling, rivenduta proprio a fine 2003 per via di una fusione che non è mai riuscita a dare risultati soddisfacenti, costituendo anzi un peso nei conti della casa madre per via delle perdite trasferite al bilancio consolidato di gruppo. La divisione Sistemi e quindi la gestione dei grandi clienti di Biesse sono rientrati nella Divisione Legno e i primi risultati del 2004, forse riequilibrato dalla ripresa del settore, non sembrano aver subito conseguenze dalla cessione. Morbidelli, operando nella fascia medio-alta della gamma SCM si scontra con la Divisione Legno di Biesse e in particolare sulle linee

Anteprima della Tesi di Gianpaolo Capozzi

Anteprima della tesi: Gestione strategica dei costi e creazione di valore per il cliente: il caso delle macchine per la lavorazione del legno, Pagina 9

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Gianpaolo Capozzi Contatta »

Composta da 127 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2196 click dal 03/05/2005.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.