Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Mediatore Europeo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6.2 – L’attività di “soft law” del Mediatore europeo – Sulla base delle considerazioni appena formulate, è possibile ricomprendere nel generale concetto di “soft law” anche l’attività del Mediatore europeo; quest’ultima, infatti, è intrinsecamente “soft”, non avendo in nessun caso le decisioni del Mediatore un carattere vincolante. L’attività di “soft law” del Mediatore europeo costituisce una tematica di grande interesse, poiché questi può spingersi (ed in alcuni casi si è spinto) significativamente oltre la semplice soddisfazione del singolo ricorrente, contribuendo a migliorare la vita di tutti i cittadini (e non solo dei cittadini che a lui specificamente si rivolgono) ed il loro rapporto con l’amministrazione comunitaria. E’ chiaro infatti che una raccomandazione o anche una osservazione critica formulate sulla base di un ricorso individuale concernente una problematica di carattere generale, è qualcosa che, per la sua stessa natura, va oltre la risoluzione del singolo caso concreto, perché, se recepita dal soggetto cui è rivolta, può comportare il cambiamento di regole e procedure obsolete, creando soddisfazione, così, da un caso singolo per tanti cittadini. Del resto, la funzione, per così dire, “legislativa” costituisce uno degli aspetti dominanti nella tradizione dei mediatori nazionali, se si considera che in Danimarca, per esempio, le principali norme di diritto naturale sono frutto della cinquantennale attività del Folketingets Ombudsmand e che in Svezia l’attività dello Justitie Ombudsmannen è da tempo applicata sia come fonte descrittiva che prescrittivi del diritto pubblico; invero, poi, anche i più recenti mediatori parlamentari, come il Defensor del pueblo spagnolo ed il Mediatéur francese hanno dimostrato di essere efficaci riformatori delle regole e delle attività amministrative. Quanto si afferma è poi rafforzato da una considerazione puramente pratica, cioè dal fatto che, in virtù del principio di equilibrio istituzionale, la cui intangibilità è sacra, nessuna delle istituzioni comunitarie, al di là del Mediatore, sembra possedere, nei confronti delle altre, la sovranità e la credibilità necessarie per un approccio realmente incentrato sulle

Anteprima della Tesi di Pasquale Lauro

Anteprima della tesi: Il Mediatore Europeo, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Pasquale Lauro Contatta »

Composta da 146 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4981 click dal 03/05/2005.

 

Consultata integralmente 21 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.