Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tecnologie e Metodologie per la Sicurezza negli Spazi Underground

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 ξ vibrazioni indotte dalle macchine escavatrici, con conseguenze negative nei riguardi delle altre strutture on-ground site in prossimità dell’area dei lavori; ξ inquinamento da polveri causato dagli scavi stessi nonché dai precedenti sopralluoghi (perforazioni per indagini geomorfologiche), disturbi provocati da esplosioni per indagini sismologiche; ξ possibile inquinamento delle falde acquifere; ξ rischio di disastri ambientali dovuti all’intercettamento di preesistenti strutture sotterranee usate per lo stoccaggio di materiale inquinante durante gli scavi (specie se non è possibile reperire la documentazione relativa a siti del genere); ξ possibili danni ai siti archeologici sotterranei intercettati durante i lavori di scavo; ξ pesanti disagi e disservizi arrecati a pedoni, automobilisti, commercianti ecc. durante l’esecuzione dei lavori. ξ notevoli costi di realizzazione delle opere U.G. A quanto fin qui esposto va aggiunto un altro aspetto di estrema importanza, legato alle enormi difficoltà ed agli ingenti costi che insorgerebbero qualora si volessero dismettere opere sotterranee già realizzate (per obsolescenza tecnologica, per cambio di destinazione d’uso dello spazio in questione ecc.). Tali problemi sono legati essenzialmente alla rimozione di condutture di gas e acqua, di cavi elettrici e per telecomunicazioni, all’estrazione delle polveri e dei detriti. Sulla scorta di quanto fin qui esposto appare evidente la necessità di pensare all’U.G. come una “risorsa non rinnovabile”, da sfruttare, pertanto, in maniera estremamente razionale, introducendola in un contesto di

Anteprima della Tesi di Alessandro Amendola

Anteprima della tesi: Tecnologie e Metodologie per la Sicurezza negli Spazi Underground, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Alessandro Amendola Contatta »

Composta da 290 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1516 click dal 04/05/2005.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.