Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tratti dell'identità femminile nella rivista Cosmopolitan

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Tratti dell’identità femminile in Cosmopolitan Basi teoriche Il concetto di Sé 15 Questo Sé dovrebbe quindi essere una sintesi accurata di verità più o meno piacevoli su se stessi. In realtà raramente si raggiunge questo ideale. La franchezza su di Sé è rara nei discorsi pubblici, e sebbene possa esserci più facilmente quando si riflette su se stessi, non è in alcun modo garantita nelle riflessioni più oneste. Il concetto di Sé che ha ogni persona è quindi l’insieme delle credenze che la persona e gli altri hanno su di lui piuttosto che gli attributi che possiede di fatto 11 . La seconda funzione del Sé è quella affettiva e funziona attraverso i processi di identificazione e di immedesimazione. Grazie a questi meccanismi vengono interiorizzate le immagini e allo stesso tempo i legami affettivi ad esse legate. Attraverso questo aspetto del Sé si determinano i legami affettivi con noi stessi che ci consentono di accettarci e di avere un livello di autostima soddisfacente per poi costruire relazioni con gli altri 12 . Ma come si trova ad agire il Sé in una società complessa come la nostra? Si consideri il fatto che il Sé è il prodotto prevalentemente narrativo dell’Io ed è costituito da tutti gli attributi affettivi, materiali e sociali che l’individuo riconosce come propri. La molteplicità delle appartenenze sociali, situazionali e mediali, tipica delle società avanzate, ha come effetto la moltiplicazione dei possibili Sé. Allo stesso tempo però il soggetto non si riconosce totalmente in nessuno di essi né nella loro totalità. Come in un ritratto cubista, mille facce diverse della stessa persona emergono contemporaneamente. L’identità moderna diventa quindi sempre più frammentaria e difficile da gestire, fino a condurre all’interpretazione di Kenneth Gergen, fra i maggiori psicologi sociali contemporanei, e al suo “Saturated Self ”, il Sé saturato. L’autore parla di un Sé legato alla frenesia dell’epoca contemporanea, di un Sé diviso alla continua ricerca di informazioni nel momento in cui si accorge della differenza fra quello che dovrebbe sapere e capire e quello che effettivamente conosce. Tutto ciò non costituisce un elemento negativo, ma una risorsa per accrescere la flessibilità e la creatività dell’individuo, rendendolo un sistema aperto. Chiaramente la creazione di un 11 Harrè Rom, opera citata, 2000 12 Siri Giovanni, Io e Sé. Psicologia della personalità e contraddizioni di cultura, Utet, Torino, 1996

Anteprima della Tesi di Chiara Menescardi

Anteprima della tesi: Tratti dell'identità femminile nella rivista Cosmopolitan, Pagina 13

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo

Autore: Chiara Menescardi Contatta »

Composta da 272 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6010 click dal 19/05/2005.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.