Skip to content

Storia diplomatica della questione cipriota e sua incidenza sui rapporti euro-turchi

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 L’internazionalizzazione della questione cipriota (1954-1956) Di fronte all’inerzia del quadro internazionale, le condizioni sul terreno cominciarono tuttavia a peggiorare sensibilmente, soprattutto dopo che l’EOKA 15 , costituita nello stesso 1951 dal colonnello Grivas e con la benedizione dell’Etnarca – chiara mossa non solo per contrastare, con la violenza, la colonizzazione britannica, ma anche per tentare di forzare i tempi, e se necessario la mano alla stessa Atene – lanciò la propria campagna anti- collaborazionista. Le inclinazioni del governo del generale Papagos si andarono facendo d’altro canto sempre più sensibili alle sirene cipriote, fino a che, in risposta ad un’incauta e categorica presa di posizione britannica su Cipro del luglio 1954 e sfruttando appunto i disordini provocati sull’isola dall’EOKA, il 16 agosto 1954 il governo greco richiese all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite di pronunciarsi sulla situazione cipriota e le rivendicazioni enosiste. Era il vero internazionalizzarsi della vicenda. Certamente si trattava di una “opzione debole”, in quanto il foro scelto consentiva di mantenere la situazione agevolmente sotto controllo, ma costituiva comunque un elemento di novità e di rottura, dato che inglesi, turchi e turco-ciprioti si erano sempre opposti a questo passo, sufficiente a mettere sotto pressione il Regno Unito e costringerlo a smuoversi dalla sua rigida intransigenza. Questo era proprio l’obiettivo che si prefiggeva l’arcivescovo Makarios, intenzionato a giocare un ruolo di primo piano in modo da impedire la completa estromissione dei ciprioti dalla determinazione del loro destino e ben deciso a non lasciare languire la questione cipriota all’ONU. Nell’aprile 1955 egli accordò dunque il permesso al colonnello Grivas di scatenare una vera e propria lotta armata contro la presenza britannica 16 . Di fronte a queste mosse del fronte ellenico, il governo britannico decise dunque di muovere per così dire l’alfiere turco. In primo luogo Ankara fu incitata da Londra a considerare i suoi interessi strategici sull’isola e soprattutto a reclamare un coinvolgimento negli affari ciprioti pari a quello preteso dalla Grecia, per cui nel corso dei dibattiti onusiani che erano seguiti alla richiesta greca entrambi i Paesi svilupparono una serie di posizioni giuridiche tese ad escludersi vicendevolmente dall’intera vicenda cipriota 17 . Successivamente, il 30 giugno 1955, Eden, primo ministro britannico, annunciò ai Comuni la convocazione di una Conferenza anglo-greco-turca sulla sicurezza del Mediterraneo orientale, compresa la questione di Cipro. Con questa mossa Londra intendeva dunque “diluire” Cipro in un quadro più generale, giustificare e legittimare quindi il coinvolgimento della Turchia e infine giocare il ruolo di arbitro fra Ankara e Atene – garantendosi, con le minori concessioni possibili, il mantenimento del controllo dell’isola. La Conferenza di Londra (29 agosto-7 settembre 1955) si chiuse tuttavia con un fallimento, dato che Grecia e greco-ciprioti rifiutarono le proposte di largo autogoverno interno avanzate dal ministro degli esteri inglese Macmillan. L’unico risultato della mossa britannica fu allora l’inasprimento della posizione turco- cipriota: nel luglio 1955 il leader della comunità, il dottor Fazil Kutçuk, reclamò infatti la 15 L’EOKA (Ethnikì Orgànosis Kìprion Agonistòn = Organizzazione nazionale dei combattenti ciprioti) era un’organizzazione clandestina per la lotta contro l’occupazione inglese, il cui scopo ultimo consisteva nell’Enosis. 16 Fino ad allora infatti i bersagli principali dell’EOKA facevano parte della comunità greca. Dall’aprile ’55 invece gli attacchi furono rivolti contro le truppe britanniche e i poliziotti turchi. Cfr Clogg 1996, op.cit. 17 Per un’analisi dettagliata di questo aspetto cfr Grandi 1983, op.cit.
Anteprima della tesi: Storia diplomatica della questione cipriota e sua incidenza sui rapporti euro-turchi, Pagina 11

Preview dalla tesi:

Storia diplomatica della questione cipriota e sua incidenza sui rapporti euro-turchi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Michele Cavallo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Internazionali e Diplomatiche
  Relatore: Danilo Veneruso
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 198

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi