Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La crisi d'impresa e le tecniche di tutela del credito

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 Per tutte queste tipologie d’imprese, la crisi si concretizza rapidamente e si manifesta non appena “l’operazione” ha dato i propri preordinati “frutti”. In questi casi, ovviamente, la crisi è assolutamente irreversibile, perché si tratta d’imprese destinate ad entrare in crisi proprio per disegno dell’imprenditore, rispetto alle quali, quindi non si può neppure ipotizzare un risanamento, o un salvataggio. Per queste imprese, sovente chiaramente identificabili ab initio, la vera esigenza è quella di creare un cordone sanitario preventivo, che, abbia la capacità, la forza e l’idoneità di evitare che si costituiscano; ovvero, che, una volta costituite ed entrate nel mercato, perseguano fino in fondo il loro “criminale” disegno. A tal proposito deve darsi certa rilevanza a quella attività di rilevazione di fenomeni anomali (per natura dell'attività, provenienza dei soggetti, dimensione del capitale) da parte degli organi di polizia tributaria e non. Una particolare attenzione nella fase dell’insediamento certamente almeno scoraggerebbe certe iniziative o le terrebbe lontane da una determinata area geografica. Ovviamente più complicato è il discorso per le imprese, costituite altrove, che si trasferiscono nel territorio “da conquistare”. In tal caso, operando un ragionamento pro futuro, diventa importante l’attenzione per certi fenomeni economici da parte delle forze di polizia, le quali dovrebbero essere sensibilizzate ad operare verifiche e controlli in situazioni che si presentano non omogenee all’ambiente nelle quali trovano estrinsecazione (così, per esempio, l’operatività di società finanziarie o di altri enti che più o meno surrettiziamente raccolgano risparmio e/o erogano prestiti o finanziamento dovrebbe indurre a tempestive verifiche).

Anteprima della Tesi di Giandonato La Salandra

Anteprima della tesi: La crisi d'impresa e le tecniche di tutela del credito, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Giandonato La Salandra Contatta »

Composta da 476 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5487 click dal 15/06/2005.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.