Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I bambini e la pubblicità: la sfida della Media Education

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 esempio: anche senza essere andati a Roma in quei giorni si è comunque avuta l’impressione di partecipare quasi fisicamente all’evento). In realtà spesso ci si dimentica che quelle immagini, anche le più apparentemente obiettive, sono necessariamente frutto di una scelta e di uno sguardo personale: sono infatti parti di un linguaggio costituito da inquadrature, da un ritmo, da movimenti di macchina e trasmettono dei significati che vanno al di là di ciò che superficialmente viene mostrato (ad esempio il solo scegliere di riprendere una stessa persona dal basso o dall’alto significa già esprimere un giudizio su di essa: nel primo caso le si dà grande importanza, essa sembra dominare la scena; nel secondo caso appare invece sottomessa, di minor statura non solo fisica ma anche morale. Le riprese di comizi elettorali giocano moltissimo su ciò per dare una visione maggiormente positiva o negativa del candidato). La caratteristica della TV di possedere un palinsesto giornaliero ha inoltre una fortissima influenza sulle nostre abitudini quotidiane: rispetto ad alcune decine di anni fa sono cambiate le attività di svago nel tempo libero e il susseguirsi dei vari programmi scandisce il ritmo della giornata, con la conseguenza che è diminuito il tempo degli scambi sociali, della conversazione e della cura degli hobbies, primi fra tutti l’attività fisica e la lettura. 1.1: La televisione come percezione del mondo Scendendo più in profondità, Giovanni Sartori in “Homo Videns” scrive che la TV: «sta producendo una permutazione, una metamorfosi, che investe la natura stessa dell’homo sapiens. La televisione non è soltanto comunicazione, è anche al tempo stesso paideia, ovvero formazione. […] E’ un medium che genera un nuovo àntrophos, un nuovo tipo di essere umano. […] Una tesi che si fonda, in premessa, sul puro e semplice antefatto che i nostri bambini guardano la televisione per ore e ore, prima di imparare a leggere e a scrivere» e quello che assorbono, oltre ai contenuti in sé, è uno stampo formativo “tutto centrato sul vedere”1 Anche il Papa Karol Wojtyla si è espresso al riguardo: «Non è infatti questione soltanto di un condizionamento del tempo libero, cioè di una restrizione degli spazi da riservare quotidianamente ad altre attività intellettuali e ricreative, ma anche di un condizionamento della stessa psicologia, della cultura, dei comportamenti della gioventù.»2 Infatti, la grammatica delle immagini, i contenuti stessi e il modo di presentarli influiscono sul nostro modo di percepire la realtà: ciò che appare in TV e da essa viene giudicato importante, lo diventa inconsciamente anche ai nostri occhi, se non si è ricevuta un’educazione critica adeguata, e ciò lascerà una traccia nella nostra vita e nei nostri comportamenti. 1 G. Sartori, Homo videns. Televisione e post- pensiero , Laterza, Roma -Bari, 1997, pag. 14 2 D. De Kerckhove, il Papa che viaggia. L’aura elettronica, «Mass Media», n. 1, 1986, Capone Editore

Anteprima della Tesi di Chiara Vialmin

Anteprima della tesi: I bambini e la pubblicità: la sfida della Media Education, Pagina 4

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Chiara Vialmin Contatta »

Composta da 89 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 20514 click dal 27/06/2005.

 

Consultata integralmente 48 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.