Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Modelli connessionistici della concettualizzazione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 attraverso le quali è possibile dare un ordine alla multiforme realtà fenomenologica. Grazie a tali forme e a partire da un insieme complesso di stimoli provenienti dai diversi organi sensoriali si generano i concetti empirici. E’ in questo senso, che il tema degli universali, dei concetti e del significato si può inserire in un contesto cognitivo più ampio rispetto a quello limitatamente linguistico. I.1 STRUTTURA CONCETTUALE E FORME CATEGORIALI La convinzione secondo cui la categorizzazione possa assumere un ruolo centrale nell’ambito dei processi cognitivi è stata recentemente rafforzata grazie a degli studi portati avanti da parte di alcuni ricercatori. Secondo questi ricercatori, nessun altra funzione cognitiva è più adatta della categorizzazione per spiegare i principi di base che caratterizzano la cognizione in senso generale. Alla base della capacità umana di creare categorie si troverebbe, in effetti, una precisa struttura mentale (la struttura concettuale) in cui “l’informazione linguistica, l’informazione sensoriale, e l’informazione motoria divengono compatibili” (Jackendoff, 1983; Jackendoff, 1987).

Anteprima della Tesi di Enrica Vizzinisi

Anteprima della tesi: Modelli connessionistici della concettualizzazione, Pagina 6

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Enrica Vizzinisi Contatta »

Composta da 123 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1221 click dal 30/06/2005.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.