Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Modelli di Mercato e Democrazia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 l’indipendenza effettiva di queste organizzazioni, studiando i rapporti fra esse ed i propri governi per scoprire che in realtà sono sempre esistiti rapporti di collaborazione piuttosto che di scontro. Infine lo studio si concentrerà sui principi sottostanti l’istituzione della Banca Centrale Europea. Il terzo capitolo esamina le questioni del mercato del lavoro partendo da un’analisi critica della teoria neoclassica. Si vedrà come da questa teoria si giunga alla proposta della via bassa alla competitività, caratterizzata dalla flessibilità salariale e numerica, così come proposto da Weitzman. Il confronto sarà effettuato con la via alta, la quale prevede la partecipazione gestionale, organizzativa e salariale dei lavoratori all’impresa. Autori come Levine-D’Andrea Tyson e Stiglitz metteranno in risalto i vantaggi di questa strada. In particolare sarà la democrazia industriale, come definita da Baglioni, punto centrale dell’analisi. Si faranno alcuni cenni critici alla questione della partecipazione finanziaria, prima di passare ad un breve confronto internazionale fra i modelli di relazioni industriali esistenti in paesi quali il Giappone, gli Stati Uniti, la Germania e le nazioni scandinave. In particolare il caso della Svezia, sia per i suoi aspetti legislativi sulla democrazia industriale che per l’approvazione di un piano sperimentale sulla partecipazione azionaria dei dipendenti, il Piano Meidner, verrà approfondito nell’appendice al capitolo. Infine si valuteranno le relazioni industriali in Italia, una breve storia delle proposte di democrazia industriale ed una valutazione sul dibattito odierno, in particolare sulle proposte di modifica dell’articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori. Il quarto ed ultimo capitolo tratta delle istituzioni internazionali. Di queste si forniranno cenni riguardo alle origini, alla struttura e alle funzioni con contributi di Schlitzer, Gilbert- Vines e George. Si esaminerà poi il concetto di conditionality e la filosofia economica che lo accompagna, proponendo le critiche che Stiglitz, Feldstein, Grabel, Woods, Bello e Meltzer vi apportano. In particolare le critiche di maggiore importanza sono quelle riguardanti il tema della negazione della democrazia attraverso lo sviluppo della condizionalità. Seguiranno alcune proposte per rendere più democratico e trasparente il governo di queste istituzioni, senza mai giungere a proporre la loro abolizione. L’appendice al capitolo riporta i documenti originali attraverso i quali il Fondo prescrisse le sue ricette a Tailandia e Corea, due dei paesi pesantemente danneggiati dalla crisi finanziaria dell’est asiatico. L’analisi delle politiche intraprese dai due governi aiuterà a dimostrare che le riforme imposte dall’IMF spesso si sono dimostrate errate e che politiche

Anteprima della Tesi di Emanuele Ferrari

Anteprima della tesi: Modelli di Mercato e Democrazia, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Emanuele Ferrari Contatta »

Composta da 183 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4907 click dal 30/09/2005.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.