Skip to content

La letteratura fantascientifica in Portogallo: proposta di traduzione di “O Caçador de Brinquedos e Outras Histórias” di J. Barreiros

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
14 credergli. Una settimana più tardi appare ai suoi ospiti in uno stato miserevole; dopo essersi cambiato e rifocillato in perfetta tranquillità, narra il suo viaggio nel tempo. Le sensazioni descritte sono particolareggiate, anche se il Viaggiatore ammette di non poterle comunicare esattamente. Sono sensazioni spiacevoli, gli sembra di essere su una montagna russa, tutto è veloce, vago, indistinto, fin quando non decide di fermarsi e il quadrante segna l’anno 802.701. Il resoconto del viaggio è altrettanto dettagliato, ricco di riflessioni sul mondo del futuro, completamente diverso da quello che si era immaginato leggendo le opere utopistiche, che prevedevano grandi progressi, per esempio nel campo dei trasporti. Il Viaggiatore lo descrive come se rivivesse le scoperte che faceva poco a poco, riportando le ipotesi che formulava e che via via modificava. Il mondo di quell’anno gli appare inizialmente un Eden, un vasto giardino, dove tutto nasce spontaneamente, abitato dagli Eloi: uomini alti circa 120 cm, simili a bambini, molto graziosi, ma anche molto fragili, innocenti, allegri, spensierati, indolenti, i quali dormono in gruppi, in grandi palazzi in rovina, che una volta dovevano essere riccamente decorati, e hanno un’alimentazione a base di sola frutta. Scoprirà pian piano che gli Eloi non sono i soli discendenti degli uomini: mentre la superficie è occupata dagli Eloi, la Terra è popolata da creature che ricordano vagamente gli uomini, ma che si muovono come scimmie, ragni e topi, pallidissimi, dagli occhi rossi, brillanti nel buio, timorosi della luce e del fuoco. Il Viaggiatore farà diverse ipotesi e capirà che l’uomo si è evoluto in due specie, che derivano dalla divisione (egli stesso sa che potrà sembrare paradossale, ma il suo ragionamento è esposto in maniera spaventosamente logica) delle classi di lavoratori e capitalisti: col tempo, la sicurezza materiale raggiunta con la diffusione dell’industria, deve aver addormentato lo spirito d’iniziativa e la curiosità dell’uomo, nonché la forza, che viene sviluppata soltanto in condizioni di necessità e precarietà; i ricchi e gli aristocratici a poco a poco devono essere diventati sempre più fragili e delicati e alla fine i lavoratori sfruttati, abituati alla vita buia delle industrie, spesso sotterranea, si sono evoluti in maniera diversa, fino a diventare la nemesi della classe aristocratica. I Morlock, infatti, abitano nel sottosuolo, ove vi sono macchine, e producono ciò che serve agli Eloi (ad esempio, scarpe e vestiti), per l’abitudine di produrre e servire (come automi, dice il Viaggiatore); allo stesso tempo gli Eloi sono come gregge al pascolo, felice, ben pasciuta, ma destinata al macello. Il Viaggiatore, infatti, capirà con orrore che i Morlock si cibano degli Eloi, nelle loro scorribande notturne, quando escono da pozzi del terreno. Il protagonista ironizza amaramente sul fatto che, nel futuro che immaginava tanto progredito, la sua salvezza è dipesa da una scatoletta di fiammiferi che aveva con sé e da un po’ di canfora, trovata fra le rovine di un museo: la luce e il fuoco spaventano e uccidono in un incendio molti Morlock, garantendogli la fuga. I Morlock, che avevano nascosto la Macchina del Tempo, tendono un agguato al Viaggiatore, ma questi si salva per un soffio e fugge, proiettandosi nel futuro, ancora più spaventoso: il Mondo sembra dominato da un crepuscolo eterno, il Sole è sempre più rosso, la Luna non c’è più, i pianeti sembrano più vicini, domina il silenzio, la Terra è occupata solo dal mare e dalla spiaggia, su cui però si muovono esseri giganteschi, inizialmente scambiati per scogli, simili a enormi granchi. Il Viaggiatore tornerà per fortuna nel suo anno, deluso da quanto ha visto, perché il progresso, se non se ne considerano le conseguenze, e la divisione in ceti sociali hanno condotto l’uomo alla fine. Quasi non crede di aver viaggiato nel tempo, ma ha con sé alcuni fiori bianchi di quel tempo, donatigli da Weena, una piccola Eloi che aveva salvato dall’annegamento e che successivamente era perita in un incendio, l’ultima notte nell’anno 802.701. I convitati non sembrano credergli, soprattutto i giornalisti. Il viaggiatore vuole comunque viaggiare ancora nel Tempo e portare delle prove. Il narratore apre la porta del laboratorio proprio quando il Viaggiatore sta partendo; viene investito da una corrente d’aria, percepisce un rumore di vetri che si spezzano, per un attimo scorge una figura spettrale seduta su una massa scura che gira
Anteprima della tesi: La letteratura fantascientifica in Portogallo: proposta di traduzione di “O Caçador de Brinquedos e Outras Histórias” di J. Barreiros, Pagina 14

Preview dalla tesi:

La letteratura fantascientifica in Portogallo: proposta di traduzione di “O Caçador de Brinquedos e Outras Histórias” di J. Barreiros

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Elizabeth Bernet
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Trieste
  Facoltà: Scuola sup. di Lingue Moderne per Interpreti e Traduttori
  Corso: Traduzione e Interpretazione
  Relatore: Giampaolo Tonini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 849

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

idiomatismi
joao barreiros
letteratura portoghese moderna
neologismi
onomatopee
racconti di fantascienza
storia della fantascienza
tecnicismi
teorie della traduzione
traduzione letteraria e scientifica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi