Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La progettazione e presentazione del Business plan

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

22 Capitolo II Comunicazione aziendale e Investor relation 2.1 Comunicazione d’impresa e valore “La comunicazione non solo diffonde il valore del capitale economico, rendendo esplicito ai mercati il valore effettivo, ma essa stessa crea valore, incrementando il patrimonio intangibile dell’impresa”. 6 Negli ultimi tempi è stata riconosciuta alle risorse immateriali la caratteristica di essere divenute fondamentali per il raggiungimento del vantaggio concorrenzia- le. Secondo la teoria degli invisible assets 7 nell’impresa esistono risorse definite “intangibili”: ad esempio sapere tecnologico, potere su fornitori e distributori, esperienza e competenza del management e così via, sono risorse intangibili. L’informazione diventa un processo fondamentale per la trasmissione di tale “patrimonio intangibile”. La comunicazione quindi crea e diffonde il valore. Oggi il veicolo per l’aumento del patrimonio conoscitivo dell’impresa è sempre più la comunicazione e le relazioni di scambio tra i soggetti che possiedono le competenze; il processo de learning by doing ha assunto costi sempre maggiori in relazione alla variabile tempo. Come è stato osservato riguardo alla comunicazione delle performance azienda- li: Il valore borsistico di un’impresa, la sua capacità di attrarre e conservare gli in- vestimenti è oggi legata forse più a come l’impresa sa comunicare ai sui pubblici, il mondo finanziario in primis, che alle sue strategie di ricerca, di produzione o di marketing. Reticenze, mezze bugie, ritardi o contraddizioni nel comunicare non sono più concessi a nessuno, tanto meno ai big. 8 Anche alla luce degli scandali finanziari internazionali degli ultimi anni, l’analisi della comunicazione volontaria (voluntary disclosure) delle prestazioni aziendali è un tema di grande attualità. Se da una parte si registra un crescente fabbisogno informativo da parte dei diversi stakeholders (portatori di interessi nei confronti di un’azienda), dall’altra è ormai sempre più evidente come sia una opportunità per l’impresa. La comunicazione volontaria (non obbligatoria) delle modalità di creazione del valore con strategie comunicative innovative, può essere conside- rata una sorta di investimento per l’impresa. Esiste, quindi, una sorta di ri- progettazione delle modalità di corporate reporting sulla base della trasparenza 6 Corvi E., (2000), p. 14. 7 Cfr. Itami,H., (1988). 8 Giusepponi K., (2003), p. 86.

Anteprima della Tesi di Andrea Berretti

Anteprima della tesi: La progettazione e presentazione del Business plan, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Andrea Berretti Contatta »

Composta da 165 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 19154 click dal 06/10/2005.

 

Consultata integralmente 25 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.