Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tipologia del personaggio narrativo nell'opera di Leonardo Sciascia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 Capitolo I Rapporto tra i personaggi e l’autore L’autobiografismo (da Le parrocchie di Regalpetra a Una storia semplice) 1.1 ALLE ORIGINI DEL PESSIMISMO SCIASCIANO: COME STARE DALLA PARTE DEL TORTO 1.1.1 La letteratura come impegno Alcuni personaggi della narrativa sciasciana somigliano più di altri all’autore. Più per tratti morali che fisici. A loro volta i tratti morali sono pervasi di sicilitudine: sia che riguardino personaggi reali e storici sia che prevalgano invece tipi immaginari. Personaggi autobiografici nella narrativa sciasciana più di altri sono Candido Munafò, Giufà, Ettore Majorana, il capitano Bellodi, il professor Laurana, fra Diego La Matina, compaesano di Sciascia «e suo alter ego, l’uomo tenace che non cede agli interrogatori e alle torture, l’uomo che osa l’inosabile» 34 . Un’altra categoria, sempre all’interno della narrativa sciasciana, è rappresentata dai personaggi che pur non avendo tratto diretto con l’interiore homine del narratore sono comunque dentro un medesimo contesto di appartenenza, ripartiti tra storia e geografia, filosofia, letteratura e visione del mondo. Tali sono ad esempio l’avvocato Lombardo, fucilato a Bronte nel 1860, il professor Franzò di Una storia semplice, Courier, Voltaire, Manzoni e altri 35 . 34 S. LODATO, Sciascia, l’eretico e il fascino del riscatto, «l’ Unità», 12 novembre 2003, 25. 35 Dice lo stesso scrittore nel vhs Rai Educational Sciascia racconta Sciascia che «la giornata inizia con lo scrivere. Mi alzo verso le sette. Non perdo molto tempo ad analizzarmi». Sciascia parla del Dialogo del comandante di Diderot, dei libelli di Courier, il libellista Paul Louis Courier vissuto in età napoleonica, il cui capolavoro è Pamphlet des pamphlets, dei Miserabili, dei Promessi sposi e quasi a insistere su Manzoni come suo tratto autobiografico dice che il romanzo di Renzo e Lucia «è un libro disperato». Paradossale: «quello che resta su tutto e su tutti è don Abbondio». Cfr. inoltre di L. SCIASCIA, Ritratto di Manzoni, Milano, Sciardelli, 2004, che raccoglie le sue cose manzoniane più significative sparse nell’intera opera sciasciana ora raccolta in tre volumi della Bompiani, a cura di C. Ambroise.

Anteprima della Tesi di Natalino Piras

Anteprima della tesi: Tipologia del personaggio narrativo nell'opera di Leonardo Sciascia, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Natalino Piras Contatta »

Composta da 197 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7228 click dal 24/10/2005.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.