Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tra immigrazione e intercultura: storia e etnografia di una scuola torinese

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 mia intenzione affrontare in questo specifico contesto le questioni legate alla diversità e i temi su cui si fonda il discorso interculturale (alterità/differenza, identità, cultura, interculturazione, etnicità). Inoltre, dopo un’attenta analisi, sono riuscito a presentare i diversi quadri di riferimento, i vari modelli culturali della scuola (folk models) e le differenti strategie educative adottate dalle molte minoranze immigrate presenti nella scuola. Infine, ho potuto riscontrare in alcune insegnanti la presenza di quel ruolo di “ricercatore-esperto” del “campo” scolastico, che Francesca Gobbo (2002) ritiene possibile e necessario per poter applicare quell’apprendimento cooperativo indispensabile per intervenire nei confronti della diversità. Da quanto detto fin qui, posso dire quindi, che il mio approccio metodologico ha seguito sia un metodo di multilivello, sia un metodo comparativo (Ogbu, 1999:19). Per quanto riguarda il primo, esso comporta, la ricerca e la raccolta dati su molteplici livelli; da una parte, l’osservazione partecipante, l’esperienza con i bambini e insegnanti a scuola o più semplicemente la mia presenza in classe, dall’altra la ricerca nell’archivio scolastico, ricerche bibliografiche, la scrittura e la rielaborazione della scrittura dentro e fuori dal campo. Inoltre il mio approccio seguirà anche un metodo comparativo dal momento che analizzerò e confronterò sia l’esperienza di scolarizzazione dei minori meridionali di ieri, sia l’esperienza scolastica dei minori stranieri di oggi. Il testo è articolato in tre capitoli. Nel primo, “Storia di Ieri”, l’attenzione è stata rivolta alla storia della Scuola Pestalozzi, in cui ho condotto la ricerca, con l’aggiunta di dati relativi alla presenza di minori “meridionali” e “stranieri”. Sono anche stati inseriti alcuni dati ricavati in parte dalle interviste fatte ad alcuni insegnanti in relazione all’argomento “presenza di meridionali”, in parte dalla consultazione delle “note giornaliere” di alcuni registri degli anni passati. Nel secondo capitolo, “Storia di oggi” ho prima inserito alcuni dati relativi alla presenza di stranieri nel corrente anno scolastico. Successivamente ho presentato alcune attività organizzate e svolte nella scuola, sottolineando le trasformazioni e gli eventuali miglioramenti in relazione al rapporto con le “diversità” che i fenomeni migratori introducono, il tutto sostenuto da una rielaborazione e interpretazione delle interviste relative alla situazione attuale. Nel terzo ed ultimo capitolo, “Storia di domani”, ho cercato di fornire alcune interpretazioni teoriche su quanto osservato e ascoltato durante la ricerca. Pertanto ho affrontato questioni relative al rapporto con l’alterità e, in una prospettiva transnazionale, al rapporto che meridionali e stranieri di seconda generazione hanno con le proprie origini. Ho tentato di presentare un confronto sulle modalità d’integrazione scolastica sia degli alunni meridionali,

Anteprima della Tesi di Giuseppe Saggese

Anteprima della tesi: Tra immigrazione e intercultura: storia e etnografia di una scuola torinese, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Giuseppe Saggese Contatta »

Composta da 165 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11210 click dal 28/10/2005.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.