Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il rapporto di lavoro del calciatore professionista

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 esercizio può essere proprio anche del dilettante. Questa è la ragione per cui, trascendendo dai concetti di continuità e onerosità, parte della dottrina richiama il concetto di prevalenza 18 . In tal modo, professionista sarà colui che esercita dietro compenso, “prevalentemente”, o “esclusivamente” l’attività sportiva. Infatti, lo sportivo professionista è colui che pratica lo sport per professione e per il quale l’attività sportiva prevale rispetto ad altre, cosa che invece certamente non si verifica per il dilettante. Sono state denunciate 19 poi le profonde disparità di trattamento che si sono prodotte, soprattutto con riguardo al fenomeno del professionismo di fatto in cui, per la sola ragione della mancanza dell’intervento qualificatorio da parte della rispettiva federazione, continuano ad essere inquadrati come dilettanti atleti che prestano la propria attività a favore di società sportive in modo continuativo e a titolo oneroso traendo dalla stessa l’unica o la principale fonte di sostentamento . In merito a ciò una parte della dottrina ritiene che, pur in mancanza di qualificazione da parte delle federazioni, il professionismo di fatto, dovrebbe essere tutelato dalle norme della legge n. 91/1981 al fine di evitare disparità di trattamento di fronte a situazioni identiche 20 . Secondo altri autori tale tesi non è condivisibile, in quanto sminuisce l’importante requisito della qualificazione stabilito dalla legge 21 e, ai casi di professionismo di fatto, se pure non trovasse applicazione la legge n. 91/1981, sarebbero applicabili le norme di diritto comune e, ricorrendo i 18 D. DURANTI, op. cit., 708; C. ZOLI, Sul rapporto di lavoro sportivo professionistico, in Giust. civ., 1985, I, 2089. 19 D. DURANTI, op cit., 706;G. VIDIRI, La disciplina del lavoro sportivo autonomo e subordinato, in Giust. civ., 1993, II, 210. 20 L. MERCURI, Sport, in Noviss. Dig. It., Torino, 1987 , 512; F. REALMONTE, L’atleta professionista e l’atleta dilettante, in Riv. dir. sport., 1997, 374. 21 G. MARTINELLI, Lavoro autonomo e subordinato nell’attività dilettantistica, in Riv. dir. sport., 1993, 13; A. DE SILVESTRI, Il diritto sportivo oggi, in Dir. lav., 1988 I, 261.

Anteprima della Tesi di Roberto Bentani

Anteprima della tesi: Il rapporto di lavoro del calciatore professionista, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Roberto Bentani Contatta »

Composta da 149 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6711 click dal 08/11/2005.

 

Consultata integralmente 20 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.