Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'economia israeliana nel 1990 e nel 2002 come economia di uno Stato in conflitto permanente

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 5%, i calcoli vennero effettuati in intervalli di sei mesi e tali pagamenti divennero soggetti ad imposta. Inoltre avvenne il passaggio da un regime del tasso di cambio a parità fissa ad uno a parità mobile (con deprezzamento mensile del 2%10), fattore che risultò fatale negli anni successivi per la situazione inflazionistica11. Il 1977 fu l’anno del passaggio al governo del Likud, la destra israeliana. Il nuovo governo dette subito inizio ad una liberalizzazione dell’economia attraverso il tasso di cambio e una riforma del commercio estero. Questa consistette in una svalutazione della valuta del 47%, abolizione delle tasse di viaggio, allentamento dei controlli sugli scambi con l’estero, riduzione dei dazi doganali e possibilità per i cittadini israeliani di acquistare titoli legati a monete estere, e quindi protetti dai deprezzamenti (prima del 1977 solo coloro che svolgevano attività di commercio con l’estero o attività bancarie, i nuovi immigrati e i non residenti potevano possedere questo tipo di bene mobile). Questa operazione, che aveva lo scopo di migliorare la bilancia dei pagamenti, non fu tuttavia accompagnata da politiche di riduzione della domanda, tanto che i miglioramenti raggiunti nel 1974 e nel 1975 furono cancellati12. Altro effetto di tale politica fu un aumento continuo dell’inflazione che perdurò fino al 1985. I prezzi al consumo aumentarono del 34,6% nel 1977 e del 78,3% nel 1978. Tale impennata è in parte dovuta al deprezzamento che ha aumentato il costo delle importazioni, rialzo che si è riversato sui consumatori finali per poi passare nuovamente ai produttori secondo il meccanismo 10 Rivlin (1992). 11 Bruno (1993). 12spesa pubblica: +1%; investimenti: +15%; consumo: +16,5%; esportazioni: +8%; importazioni: +14%; dati riferiti al biennio 1978-1979 (Rivlin;1992).

Anteprima della Tesi di Nicole Malfatto

Anteprima della tesi: L'economia israeliana nel 1990 e nel 2002 come economia di uno Stato in conflitto permanente, Pagina 7

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Nicole Malfatto Contatta »

Composta da 70 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1255 click dal 08/02/2006.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.